Sabato, 24 Agosto, 2019

Festa polizia: Mattarella con Salvini - Veneto

Salvini a Mattarella Costituzione non vieta di cambiare rotta Manovra, Mattarella richiama alla Costituzione. Replica d'attacco di Salvini e Di Maio più prudente
Esposti Saturniano | 01 Ottobre, 2018, 09:52

Non si è fatta attendere la replica di Matteo Salvini: "Stia tranquillo il Presidente - dichiara il vice capo del governo - dopo anni di manovre economiche imposte dall'Europa che hanno fatto esplodere il debito pubblico (giunto ai suoi massimi storici) finalmente si cambia rotta e si scommette sul futuro e sulla crescita". "Sono orgoglioso di essere al servizio delle forze dell'ordine che difendono gli italiani".

Il vicepremier Salvini non ha gradito il richiamo del Colle sulla manovra. Che definisce "commovente l'accoglienza di Ostia" e plaude alla scelta del lungomare di Roma come location della manifestazione: "Bisogna combattere la criminalità organizzata, italiana o straniera, via per via, quartiere per quartiere, periferia per periferia". Il riferimento a Sergio Mattarella é stato accolto da fischi e buu dalla folla. "Questa 'manovra del popolo' ha proprio la finalità di creare le condizioni per poi poter ridurre questo debito".

Naturalmente, opposizioni a sostegno del Capo dello Stato e all'attacco della manovra, a cominciare da un PD "improvvisamente unito" con un Matteo Renzi scatenato e da Forza Italia con un Antonio Tajani sarcastico e Silvio Berlusconi sebbene alle prese con i festeggiamenti per il suo 82esimo compleanno. "Non mi pare". Per poi aggiungere: "Se a Bruxelles mi dicono che non lo posso fare me ne frego e lo faccio lo stesso".

Concetti e parole che irritano l'ex Ministro Carlo Calenda e che via twitter commenta: "La?@Confindustria? è ufficialmente leghista". E ancora rivolgendosi ai poliziotti: "Vi porto in dote oltre ai complimenti anche qualche innovazione positiva: un piano straordinario di assunzioni, innovazione tecnologica, come l'introduzione del taser, ed iniziative nuove come spiagge e scuole sicure, pensata per "beccare" gli spacciatori di morte fuori dalle scuole".

Nasce così un battibecco "via social", non certo di alto livello, e Boccia risponde a Calenda: "Lui ha parlato di una Confindustria appiattita e non ha avuto parole tenere nei nostri confronti. Per una volta che il deficit lo si fa per dare ai più deboli, sono tutti pronti a criticare" lamenta il ministro del Lavoro.

Altre Notizie