Sabato, 21 Settembre, 2019

Ryanair, centinaia di voli cancellati per lo sciopero di venerdì 28 settembre

Venerdì, nuovo sciopero per Ryanair Cancellati 190 voli. Ecco quali da Orio Ryanair cancella 190 voli
Esposti Saturniano | 28 Settembre, 2018, 08:35

La protesta, infatti, si sta allargando: il sindacato tedesco dei piloti Cockpiy ha annunciato l'adesione allo sciopero. "Ryanair ha preventivamente" annullato "l'8% dei suoi 2.400 voli in programma venerdì 28 settembre pari a 190 voli - spiegano dalla compagnia irlandese -, a causa di uno sciopero 'inutile' - scrive Ryanair - indetto da una 'piccola minoranza' di personale di bordo in Spagna, Belgio, Olanda, Portogallo, Italia e Germania". Alla protesta si uniranno anche i piloti italiani, tedeschi e del Belgio.

Come per i precedenti scioperi, ad oggi non è ancora stata pubblicata la lista dei voli cancellati da Ryanair. Ryanair si è scusata per il disservizio e ha precisato di aver già contattato i clienti interessati via mail e sms, avvisandoli della cancellazione del volo con tre giorni di anticipo.

Ryanair è molto critica con i rappresentanti sindacali che ritiene spinti dai dipendenti delle compagnie aeree concorrenti. Le cancellazioni sono meno di quelle annunciate martedì, quando la compagnia aveva stimato in 30mila il numero di passeggeri interessati dalle cancellazioni. Ad esempio, Ryanair sostiene che in Spagna, un membro del personale di bordo di un'altra compagnia stia guidando lo sciopero ad Alicante. "Questo sciopero sarà un fallimento". "Rispetto per i lavoratori e i passeggeri", ha ribattuto il rappresentate della Cne Didier Lebbe, aggiungendo che se ci sono solo così pochi voli annullati in Belgio è perché Ryanair "fa ricorso a equipaggi stranieri". Piloti e assistenti di volo, incrociando nuovamente le braccia, puntano a ottenere maggiori garanzie contrattuali rispetto a quelle attualmente offerte dall'azienda, che invece, dal canto suo, punta a contenere i costi che deriverebbero dalla revisione dei contratti secondo le normative dei diversi Paesi in cui è presente.

"Siamo quindi delusi dal fatto che questi sindacati guidati dai piloti di Eurowings in Germania, dai piloti KLM in Olanda e dai piloti di Aer Lingus in Irlanda continuino ad interferire, a promuovere scioperi, a creare disagi ai nostri clienti e a danneggiare le nostre attività a beneficio delle compagnie aeree tradizionali a cui appartengono".

Altre Notizie