Domenica, 23 Settembre, 2018

Uragano Florence negli Stati Uniti, un milione di persone evacuate

Arriva Florence dichiarato lo stato di emergenza sulla East Coast Arriva Florence dichiarato lo stato di emergenza sulla East Coast
Evangelisti Maggiorino | 11 Settembre, 2018, 23:04

Carolina del Sud, Carolina del Nord e Virginia hanno dichiarato lo stato d'emergenza mentre attendono l'arrivo di Florence. Lunedì 10 settembre, Florence ha raggiunto la categoria 4 (fortissimo, la massima è 5) e si dirige verso la East Coast degli Stati Uniti.

Il Centro nazionale uragani ha previsto che "Florence diventerà un grande uragano estremamente pericoloso entro giovedì" e temono che nelle prossime ore si rafforzerà ulteriormente. Viaggiando a circa 20 chilometri orari in direzione nord-ovest, l'uragano dovrebbe transitare oggi e domani tra Bahamas e Bermuda e raggiungere giovedì la costa degli Stati Uniti. Il National meteorological service (Nws) ha invitato i cittadini "a non concentrarsi sulla previsione della traiettoria" perché "gli effetti significativi si faranno sentire oltre il cono e arriveranno sulla costa ben prima dell'occhio del ciclone". Così è stata definita la tempesta che sta per abbattersi sulla costa orientale degli Stai Uniti. E anche il presidente americano Donald Trump non sta nascondendo una certa preoccupazione per l'impatto che l'uragano potrebbe avere. "Il mio team mi ha appena informato che questa è una delle peggiori tempeste che abbiano colpito la costa orientale negli ultimi anni", ha twittato ieri sera il capo della Casa Bianca, aggiungendo: "Per favore, preparatevi, state attenti e state al sicuro". Poi la chiosa:"Ricordate che siamo qui per voi". South Carolina, North Carolina e Virginia hanno emesso ordini di evacuazione per circa un milione di persone, che avranno tempo fino alle ore 12:00 locali, le 18:00 di oggi in Italia, per appunto lasciare le proprie abitazioni e trovare riparo altrove. Sono previsti fino a 50 centimetri di pioggia in alcuni punti, oltre a un preoccupante innalzamento del livello del mare. Ad aiutare la popolazione locale, anche l'esercito, che ha inviato una trentina di navi.

Altre Notizie