Sabato, 20 Ottobre, 2018

Vaccini, nuovo emendamento al milleproroghe: "Autocertificazione valida anche quest'anno"

La maggioranza fa marcia indietro sui vaccini Vaccini, la maggioranza fa dietrofront: pronto l’emendamento, resta l’obbligo per…
Machelli Zaccheo | 06 Settembre, 2018, 14:51

Dopo avere di fatto cancellato l'obbligo con un blitz al decreto milleproroghe ora è arrivato il dietrofront per mezzo di un emendamento allo stesso provvedimento, che ripristina il divieto di iscrizione a scuole materne e asili dei bambini non in regola con la profilassi.

Il nuovo emendamento rappresenterebbe un passo indietro rispetto a quello approvato prima della pausa estiva, che fa slittare di un anno l'obbligo di presentare i certificati vaccinali a scuola.

"Sui vaccini il nostro Paese ha bisogno di una disciplina organica e razionale".

Un nuovo emendamento dedicato ai vaccini nel decreto Milleproroghe. "In questo modo potremo definitivamente superare il Decreto Lorenzin, un testo di carattere emergenziale, causa dei malfunzionamenti e del caos che abbiamo dovuto affrontare fino ad oggi". Casi di falsificazione si sono infatti già verificati in passato. "Inoltre", conclude la portavoce del MoVimento 5 Stelle, "sono inserite norme per favorire la ripresa dei territori colpiti da eventi sismici e andare incontro alle esigenze della popolazione interessata, prorogando i termini per il pagamento delle fatture relative ai servizi energetici, idrici, assicurazioni e telefonia associati ai fabbricati dichiarati inagibili".

Per il momento dunque la maggioranza propone di mantenere l'obbligo vaccinale, accettando le controproposte del Partito democratico, che tramite le parole del capogruppo in commissione Affari sociali commenta così il risultato ottenuto: "Si tratta di una clamorosa retromarcia e di una straordinaria vittoria della buona politica, della scienza e del buon senso - dichiara Vito De Filippo, sottolineando come ieri, durante le audizioni, i medici, i pediatri e gli esperti degli Istituti superiori di Sanità, "avevano contestato nel merito le ragioni di una scelta che metteva a rischio la salute dei bambini".

Tutto questo per l'anno scolastico in fase di avvio, perché la maggioranza gialloverde punta a ricambiare le carte in tavola per quello successivo, con la proposta di legge già presentata alla Camera che introduce l'altro rebus dell'"obbligo flessibile". Nei prossimi giorni si estenderanno anche ad altre regioni. Per questo motivo l'autocertificazione dei vaccini può avere un valore solo temporaneo - spiega Giannelli - in attesa della certificazione originale. I risultati dei controlli effettuati verranno comunicati con ogni probabilità già in giornata ai Nas di Roma, dopodiché avrà inizio il controllo della documentazione incrociando i dati raccolti in scuole e Asl.

Altre Notizie