Domenica, 16 Dicembre, 2018

Studio Usa denuncia, troll russi anche sui vaccini - Salute & Benessere

Vaccini: dietro le Troll russi e account finti dietro 'fake news' su vaccini
Machelli Zaccheo | 26 Agosto, 2018, 15:24

Lo studio è stato pubblicato mentre l'Europa affronta uno dei più grandi focolai di morbillo degli ultimi decenni, che è stato in parte attribuito al calo dei tassi di vaccinazione.

Troll russi avrebbero diffuso informazioni false e forvianti contro i vaccini attraverso Twitter, durante il periodo delle elezioni presidenziali americane.

Dietro questa strategia di disinformazione sui vaccini ci sarebbero account finti e contaminatori di contenuti presenti sui vari social network.

I ricercatori hanno esaminato migliaia di tweet scritti tra luglio 2014 e settembre 2017.

. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"I contaminatori di contenuti sembrano utilizzare i messaggi anti-vax, ma anche pro-vax, come esca per invogliare i follower a fare clic su annunci e collegamenti a siti web pericolosi - afferma Sandra Crouse Quinn, ricercatrice all'Università del Maryland - Ironia della sorte, spesso dietro questi bot o troll che parlano di vaccini c'è il rischio di aprire link e quindi di esporre il proprio computer a virus informatici". Si tratta di una società russa recentemente incriminata negli Usa per i diversi tentativi di interferire nelle elezioni presidenziali americane del 2016.

Ma come si è arrivati ai titoli di alcuni giornali (ad esempio il Guardian) che oggi in prima pagina scrive che i russi diffondono online menzogne e discordia sulla sicurezza dei vaccini? Questo significa sostanzialmente che nemmeno chi ha condotto lo studio è riuscito a risalire a chi si cela dietro quegli account.

I tweet - spiega la ricerca - userebbero i vaccini per promuovere un clima di discordia. Pur giocando su entrambi i versanti, pro e anti vax, in questo modo minerebbero la fiducia dei cittadini-utenti nelle politiche di sanità pubblica.

Altre Notizie