Sabato, 15 Dicembre, 2018

Brescia, neonato ucciso da un batterio killer in ospedale

Chiudi
   Apri Chiudi Apri
Machelli Zaccheo | 11 Agosto, 2018, 18:38

A causare il decesso del neonato sarebbe stata un'infezione causata dal batterio serratia marcescens. Il piccolo, nato prematuramente da una coppia bresciana, era ricoverato nel reparto di patologia neonatale dell'ospedale bresciano con il gemellino, che avrebbe contratto l'infezione a sua volta ma che starebbe rispondendo alle cure. Il fratello gemello pur colpito dal Batterio e' vivo. I carabinieri del Nas hanno acquisito tutta la documentazione medica. Il reparto è stata passato al setaccio dai carabinieri del Nas, che dovranno accertare se il batterio sia stato portato dall'esterno oppure si sia sviluppato all'interno dell'ospedale.

Sarà ora l'autopsia disposta dalla procura di Brescia, che ha aperto un'inchiesta contro ignoti, a stabilire le cause esatte del decesso del neonato. "I primi due casi diagnosticati sono andati progressivamente migliorando ed attualmente sono in via di risoluzione, purtroppo il terzo paziente ha sviluppato segni clinici da shock settico ed un quadro clinico che è progressivamente peggiorato e, nonostante la terapia antibiotica a largo spettro e tutte le cure intensive prestate ha cessato di vivere". Inoltre, il batterio è comunemente presente nell'ambiente e le infezioni da serratia marcescens, le più diffuse, non sono rare negli ospedali, anche se in persone con un sistema immunitario funzionante non causano gravi sintomi. Si tratta del primo caso specifico avvenuto all'ospedale Civile di Brescia mentre in Italia negli scorsi anni se ne sono registrati altri negli ospedali di Mantova (2012), Como (2014) e Cosenza (2016).

Altre Notizie