Giovedi, 18 Ottobre, 2018

Grandi opere, il M5S frena Salvini: "Al Sud servono altre infrastrutture"

Grandi opere, il M5S frena Salvini: Tav e Tap, governo diviso su grandi opere, Di Maio: troveremo accordo
Esposti Saturniano | 08 Agosto, 2018, 15:41

Mentre il ministro per lo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, annuncia "un concorso straordinario per gli ispettori del lavoro", al fine di "estirpare la piaga del caporalato". "Un primo passo per procedere in una riqualificazione che gli abitanti della zona chiedevano da tanto", conclude l'esponente del Carroccio, che "ringrazia il prefetto e il questore ma soprattutto gli uomini delle forze dell'ordine che questa mattina all'alba hanno sgomberato le palazzine ex Moi tenendo sotto controllo la situazione senza tensioni grazie alla loro professionalità".

Un discorso a 360 gradi, che spazia dal suo amato Milan fino al rapporto con il suo ex alleato, l'arcorese più noto al mondo, Silvio Berlusconi. Da un momento all'altro il conflitto gialloverde sarebbe saltato fuori (anche se secondo non pochi analisti l'esecutivo è destinato a durare più del previsto). E proprio le modalità di trasporto saranno al centro degli interventi annunciati dal governo che punta, sottolinea Conte, a "rafforzare i controlli" ma soprattutto a "incentivare gli imprenditori con meccanismi" premiali che li portino a "rinunciare a un pezzo di lucro per favorire condizioni lavorative nel rispetto della dignità". Alla domanda se ha ragione il ministro Lezzi quando dice che, sulla base della popolazione, esiste un deficit di investimenti sulle infrastrutture per il Sud, Rixi risponde: "Il tema importante non è fare le opere al Nord o al Sud, ma farle dove servono e quello della popolazione è criterio assolutamente relativo". "Venite ad ascoltarci, venite qui nei campi per capire quello che i braccianti stanno vivendo". Quel che lo indigna è il silenzio di Salvini.

Intendiamoci, le voci di opposizione a politiche dissennate sono moltissime, autorevoli e anche interne alla maggioranza e il ministro Grillo sembra fare di tutto per gestire al meglio una situazione difficile. "Priorità assoluta - prosegue - va data a trasporti legali e sicuri, agli alloggi e a giusti compensi". "Noi siamo a favore dei vaccini". Domani, intanto, nel capoluogo dauno Cgil, Cisl e Uil terranno una manifestazione unitaria in contemporanea alla marcia dei 'berretti rossi' promossa dalla Usb. E questo intevento si è concluso con un nuovo attacco a Berlusconi...

Altre Notizie