Lunedi, 22 Ottobre, 2018

Bomba uccide uno scienziato siriano: guidava il centro di ricerca sugli armamenti

Bomba uccide uno scienziato siriano: guidava il centro di ricerca sugli armamenti Siria, bomba uccide uno scienziato: guidava un centro ricerche accusato dagli Usa di produrre armi chimiche
Evangelisti Maggiorino | 07 Agosto, 2018, 16:30

Si tratta di Aziz Asbar, il capo di un centro di ricerche militari specializzato in armamenti del regime siriano.

La conferma è arrivata dal quotidiano governativo "Al-Watan", dopo che la notizia è stata diffusa dall'Osservatorio siriano dei diritti umani. Il gruppo terroristico è un conglomerato che comprendere, su ampia scala, anche l'ex Fronte Al Nusra, la parte siriana di quello che rimane di Al Qaeda.

Secondo AnsaMed, le brigate di Abu Amar hanno diffuso via Telegram un messaggio in cui rivendicavano l'atto terroristico con la spiegazione nei dettagli dell'operazione: "Abbiamo usato sistemi esplosivi per uccidere Esber".

Uno scienziato siriano, Aziz Asber, direttore di un centro di ricerche nella provincia di Hama sospettato di essere coinvolto nei programmi di armamenti chimici del regime, è stato ucciso da una bomba la scorsa notte. Il laboratorio del centro ricerche, situato nella località di Masyaf, era stato preso di mira nel settembre del 2017 da un raid aereo che si ritiene sia stato messo a segno da Israele, quasi un avvertimento dopo il cessate il fuoco avvenuto a suo tempo tra Bashar al Assad e i ribelli siriani. La struttura militare del Sscr era già stata colpita due volte nell'ultimo anno: nello scorso settembre del 2017 e il 22 luglio. Il generale si stava occupando della produzione di missili terra-terra a corto raggio. Gli Stati Uniti hanno accusato l'istituto di contribuire allo sviluppo di gas sarin e di essere incaricato della produzione di armi chimiche, ma il regime siriano nega.

Altre Notizie