Venerdì, 23 Agosto, 2019

Chi sono i Soldados de franela, il gruppo dietro l’attentato a Maduro

Venezuela, attentato con droni contro Maduro. Illeso il presidente, 7 feriti Venezuela, Maduro sfugge all'attentato. Droni sulla parata in diretta tv: 7 feriti
Evangelisti Maggiorino | 05 Agosto, 2018, 14:53

La compagine ha scritto in un tweet sostenendo che voleva colpire il presidente con due droni carichi di esplosivo, ma che i velivoli sono stati abbattuti dai soldati prima che potessero raggiungereb il loro obiettivo.

"Devo riferire che alcuni degli autori materiali del tentativo di attento contro la mia vita sono stati catturati, e sono già sotto processo", ha poi aggiunto il massimo dirigente della Rivoluzione Bolivariana.

Caracas accusa la Colombia e non meglio precisati "finanzieri" degli Stati Uniti.

Alcune ore dopo l'attacco è giunta la rivendicazione di un misterioso "Movimento nazionale di soldati in camicia".

Il presidente nel suo discorso alla nazione, ha accusato della preparazione del fallito attentato l'opposizione a destra, così come la destra colombiana del presidente Juan Manuel Santos.

Sono circa venti i tentativi di uccidere Maduro denunciati dal presidente del Venezuela da quando nel 2013 ha preso il potere dopo la morte di Hugo Chavez.

La rivendicazione si conclude con un appello alla rivolta: "Popolo del Venezuela, per concludere con successo questa lotta di emancipazione dobbiamo scendere in piazza senza arretrare". Si definiscono come "un collettivo di militari e civili patrioti e leali al popolo del Venezuela" e all'eredità del padre della nazione Simon Bolivàr. Le telecamere si spostano poi sulla parata militare e qualche attimo dopo si vedono i soldati che rompono le righe e corrono al riparo.

Una serie di esplosioni, un vero e proprio attentato diretto contro il presidente del Venezuela Nicolas Maduro, hanno provocato il ferimento di sette persone. Qualche minuto più tardi il ministro delle Comunicazioni, Jorge Rodriguez, ha fatto il punto della situazione in diretta tv, confermando che si è trattato di un "attentato" e che il capo dello Stato è rimasto "incolume". "Abbiamo dimostrato che sono vulnerabili, oggi il piano non ha funzionato ma è solo questione di tempo". "Sono state raccolte parte delle prove, e non aggiungo altro perché l'investigazione è in una fase molto avanzata", ha affermato il presidente. L'intervento del capo dello Stato era seguito in diretta da radio e tv, ma le trasmissioni sono state improvvisamente interrotte. "Cio' - ha ribadito - non si esclude nell'ambito delle ipotesi di indagine del pubblico ministero, che confermo e garantisco arriveranno alla verità".

Altre Notizie