Sabato, 18 Agosto, 2018

Migranti, il Viminale blocca una nave italiana che ha soccorso 66 migranti

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 14 Luglio, 2018, 08:22

E' un vertice finalizzato, innanzitutto, a ridurre al minimo le divergenze interne al governo sui migranti.

Secondo le informazioni fornite dal Viminale, un grosso peschereccio di legno a due piani, con a bordo circa 450 migranti, che da questa mattina si trova in acque maltesi, starebbe navigando puntando verso l'Italia. I migranti minacciavano l'equipaggio.

Le dichiarazioni del ministro dell'Interno arrivano all'indomani dello sbarco a Messina di 106 migranti, raccolti in mare dalla nave militare irlandese Samuel Becket e accolti da centinaia di persone con le magliette rosse, che aderivano all'iniziativa promossa da Libera, Anpi, Arci e Legambiente a favore dell'accoglienza. La linea di Salvini è chiara: poco convinto che sussistessero effettivamente ragioni di ordine pubblico a motivare l'intervento della navi della Guardia costiera e che toccasse alla Guardia costiera libica intervenire, decide per l'attesa, smentendo Toninelli che, dopo l'incontro, assicurava: l'indicazione di un porto arriverà entro poche ore. La situazione continua a rimanere comunque molto tesa per via di quanto accaduto sull'imbarcazione Von Thalassa con Matteo Salvini che è stato categorico a riguardo: "Prima di concedere qualsiasi autorizzazione, attendo di sapere nomi, cognomi e nazionalità dei violenti dirottatori che dovranno scendere dalla Diciotti in manette". Con un vertice fra il Premier e i ministri della Difesa, degli Esteri e delle Infrastrutture. Sarà l'inchiesta a chiarire anche questo.

Al leader leghista non è andata giù la decisione di Toninelli di autorizzare il trasbordo. Salvini ha aggiunto di voler andare avanti e che "il governo agisce con una testa sola". Il vicepremier precisa ancora una volta che la nave non attraccherà in Italia: "Sappiano Malta, gli scafisti e i buonisti di tutta Italia e di tutto il mondo che questo barcone in un porto italiano non può e non deve arrivare". "Se ci sono irregolarità denunciate, se qualcuno vi sfrutta denunciate" ha esortato Salvini. Ma la frattura resta aperta. Sono in corso sulla nave Diciotti verifiche da parte degli agenti della Polizia ed interrogatori sulla vicenda dell'ammutinamento avvenuto a bordo. Le partenze che grazie al lavoro del ministro Minniti si erano ridotte dell'80% sono riprese e la sorveglianza delle coste africane, in particolare delle autorità libiche, senza le navi delle Ong ad affiancarle inizia ad essere bucata con facilità.

Altre Notizie