Martedì, 18 Settembre, 2018

Napoli allegria con Ancelotti: e davanti il modulo diventa variabile

Simone Verdi all'esterno dell'hotel Vesuvio Simone Verdi all'esterno dell'hotel Vesuvio
Cacciopini Corbiniano | 11 Luglio, 2018, 19:25

"L'arrivo di Ronaldo mette sale e pepe". Jorginho? Lui è un ottimo giocatore, ma non era un'imprescindibile per Ancelotti. Trae sicuramente vantaggio la Juve, ma traggono vantaggio tutti: "per noi sarà una motivazione in più, per rivaleggiare la Juve".

De Laurentiis aggiunge: "Se qualcuno avrà imbrogliato!".

L'obiettivo di Carletto è preciso, a prescindere dalle rivali: "Non c'è solo la Juve, il calcio italiano ha mostrato molta incertezza, s'è deciso nelle ultime gare. Mi sono battuto invano per assegnare i diritti tv solo per un anno". Subito dopo è stato il turno di Hysaj, Grassi, Albiol, Tonelli, Rog e Maksimovic, che hanno preceduto l'arrivo di Lorenzo Insigne, accolto dai cori dei tifosi. Tecnicamente una squadra che mi soddisfa per quello che ho visto in questi anni. Il Napoli ha creduto nelle mie capacità, ci sono un progetto interessante e una società che ha voglia di crescere e migliorare. Stile e filosofia resteranno gli stessi, poi ho le mie idee ma non s Altre telefonate per convincere qualche top player? Penso all'Inter, per esempio. "Stare più a lungo possibile in tutte le manifestazioni, arrivare in aprile in corsa e poi vediamo cosa succederà".

Con Ronaldo alla Juve sarà una sfida ancora più complicata, giusto?

"Beh, è un giocatore tra i migliori al mondo. - ha commentato - Certamente il calcio italiano trae grande vantaggio e casualmente arrivo nell'anno in cui torna anche Ronaldo".

Nello scorso campionato il Napoli di Sarri c'è andato vicino.

"Non sono qui per cancellare il lavoro di Sarri, che ho ammirato molto".

IL GRUPPO - "Ho scelto di vivere in città perché Napoli è bella ed ha un panorama magnifica". Il modulo? Possiamo farne più di uno, anche in fase di possesso e non possesso. "Mertens può giocare in tutti i ruoli dell'attacco, non solo da prima punta come ha fatto bene di recente".

È soddisfatto dei primi rinforzi arrivati sul mercato? Inglese ha fatto molto bene col Chievo, non è giovanissimo però ha potenzialità secondo me e Fabian è un giovane già completo, non può giocare davanti alla difesa ma gioca pure centro-destra essendo mancino. Mertens non credo possa fare l'ala, ma tra le linee può essere un giocatore devastante. Avrò la possibilità di variare.

Arriverà anche un top player, Ancelotti? Quando vai da Murdoch te le devi giocare bene le tue carte, non con manager che difendono il proprio posto. "Invece in questo periodo ho parlato molto con il ds Giuntoli e con il presidente De Laurentiis". Io ho guardato molto le nuove leve e insieme alla società pensiamo di aver trovarlo i profili giusti. I top player sono i giocatori per noi più bravi, non quelli che guadagnano di più.

Altre Notizie