Venerdì, 20 Luglio, 2018

PSG, presentato Buffon: "Posso ancora fare la differenza"

Gianluca Spinelli Chelsea Gianluca Spinelli Chelsea
Cacciopini Corbiniano | 11 Luglio, 2018, 12:38

Ai margini della conferenza stampa di presentazione con la maglia del Paris Saint Germain, Gianluigi Buffon è stato intercettato dai microfoni di Sky Sport. L'ex portiere della Juventus e della Nazionale ha firmato per un anno con opzione per il secondo con il club parigino con cui proverà a vincere quella Champions League tanto sognata e mai alzata nella sua lunga e gloriosa carriera.

"Sono estremamente eccitato di questa nuova avventura". Ha un'energia particolare, io non so se è così per la magia di Parigi, per il supporto dei tifosi e del presidente (ha pronunciato questa frase in francese, ndr). "Ora preferisco rispondere in italiano che per me è ancora più facile al momento". Queste sono state le sue prime parole: "La chiamata del Psg è stata una sorpresa gradita per me: da inizio maggio sicuramente stavo già programmando un altro tipo di futuro ma dentro di me ho avuto l'ambizione e la speranza che accadesse qualcosa perché sentivo di aver dentro qualcosa di importante da dare. Ed è accaduto così perché la vita è imprevedibile". Si è creata questa situazione perché c'erano le condizioni per migliorarmi come giocatore e come persona e credo di poter contribuire anche a far migliorare, in campo, un pezzettino in più, il PSG. Quando inizia la stagione non puoi pensare di racchiudere tutto su un solo obiettivo, saremmo dei pazzi e qui non siamo pazzi. Ho 40 anni ma godo di un ottimo stato di salute e mentale e per degli obiettivi importanti c'è bisogno di tutti, ovvero dei calciatori e della società. Per raggiungere grandi risultati c'è bisogno di tutti, dei 25 giocatori e della società. Sto bene fisicamente e mentalmente, io darò tutto per far rendere al massimo i miei compagni. "Sarebbe da pazzi e qua non lo siamo". Forse la sincerità di chi non deve dimostrare nulla a nessuno, eppure ha ancora voglia di crescere. Negli ultimi anni alla Juve mi ero creato una zona di comfort considerevole.

"Ho sempre cercato la sfida e di misurarmi come calciatore e persona - spiega Buffon -".

Buffon: "Oggi ho fatto il primo allenamento, ci siamo capiti, ho riso".

MATUIDI - Blaise è una persona speciale, l'affetto reciproco e l'empatia che abbiamo creato è forte. Ha tanta esperienza, con tutti i trofei che ha vinto. "Credo che per un campione come Neymar la delusione del mondiale possa farlo arrivare a Parigi con un desiderio di rivincita incredibile di cui si gioverà la squadra". Comincia con un francese faticoso ma si vede che ci teneva a imparare le prime frasi: l'impegno comincia subito, dal primo giorno. Ho sempre sperato che sarebbe venuto a Parigi. "Credo che la Francia sia ora la favorita principale per il Mondiale visto che il Brasile - che era la mia favorita assoluta - è stato eliminato". "L'arrabbiatura è passata e non faccio polemiche inutili".

Altre Notizie