Giovedi, 15 Novembre, 2018

Estratti dalla grotta i primi 4 dei 12 ragazzi intrappolati

Chiudi
   Apri Chiudi Apri
Evangelisti Maggiorino | 10 Luglio, 2018, 08:41

Quattro ragazzi sono stati messi in salvo, ma la Thailandia resta con il fiato sospeso per gli altri 8 e il loro coach, Ake, ancora intrappolati nella grotta di Tham Luang. L'inondazione improvvisa (causata da un rigonfiamento del torrente sottostante per via delle piogge monsoniche) però li ha "rinchiusi" nella caverna e l'unica torcia che avevano si è consumata in fretta mentre cercavano un modo per uscire da quell'inferno.

Individuati solo pochi giorni fa dai soccorritori, i ragazzi hanno ricevuto le istruzioni per iniziare immediatamente le operazioni di salvataggio. Si è appreso che dovrebbero restare qualche giorno ricoverati in isolamento, anche dalle famiglie, per evitare infezioni.

Quattro dei tredici ragazzi intrappolati sono stati portati dai soccorritori al di fuori della grotta di Tham Luang.

"Sono al sicuro e stanno bene", rassicurano le autorità locali. Mancano quattro ragazzi e l'allenatore. I ragazzi intrappolati hanno tra gli 11 e i 16 anni e il loro allenatore 25.

Le operazioni per salvare i giovani calciatori sono partite in nottata. Un gruppo di 18 sub superspecializzati, 13 stranieri e 5 Navy Seals thailandesi, sta facendo uscire i baby calciatori dalla grotta allagata dove erano rimasti prigionieri. Una missione ad alto rischio affidata Tra i soccorritori coinvolti in quest'ultima fase ci sono alcuni tra i migliori professioni di salvataggio venuti da Stati Uniti, Cina, dalla stessa Thailandia oltre che dall'Australia e dall'Europa.

Thailandia, fallito il tentativo di trivellare il cunicolo. I primi ad affrontare il percorso sono i ragazzi più in forma. In linea di massima si è scelto di privilegiare coloro che erano in condizioni di salute più critiche. I giovani già fuori dalla grotta saranno trasportati, tramite elisoccorso, negli ospedali della regione. "Voglio rivolgere le mie più sentite scuse a tutti", aveva scritto in una lettera indirizzata ai genitori dei bambini. I ragazzi saranno trasferiti in un ospedale di Chiang Rai, a circa 60 chilometri. Le squadre dei soccorritori sono entrate nella grotta alle 10 ora locale (le 4 del mattino in Italia), secondo quanto riferito ai giornalisti dal governatore della provincia di Chiang Rai, Narongsak Osottanakorn. Le postazioni sono dotate di macchinari per effettuare radiografie e controlli della temperatura. Si trovavano intrappolati nella grotta dallo scorso 23 giugno (vedi suggeriti).

Altre Notizie