Domenica, 15 Luglio, 2018

Apice aderisce a "Una maglietta rossa per fermare l'emorragia di umanità"

Boom magliette rosse pro migranti Umanità per i migranti, "il 7 luglio indossiamo tutti una maglietta rossa"
Evangelisti Maggiorino | 09 Luglio, 2018, 18:10

Giuseppe Alviti che, in tutta risposta, rilancia l'invito: "Io invece gli rubo l'iniziativa, e a tutte le guardie particolari giurate lo stesso giorno farò indossare una maglietta rossa a testimonianza dell'emorragia di perdite indiscriminate di posti di lavoro che ha prodotto numerosi suicidi, in tutte le categorie professionali, per il solo fine ultimo del business internazionale di alcuni partiti sinistroidi". Raffaele Nogaro, vescovo emerito di Caserta. E contro la quale aveva già puntato l'indice, con la messa di venerdì per i migranti, Papa Francesco. A Padova Orizzonti ha deciso di raccogliere l'appello per dare un'ulteriore testimonianza di una città aperta, accogliente, che guarda al futuro con fiducia e non con paura. Nelle ultime ore adesioni sono arrivate da Acli, Medici Senza Frontiere, Amnesty International Italia, Uisp, Fiom Cgil, Articolo 21, Un ponte per, Giustizia e Libertà. "Col nostro Governo la musica è cambiata e cambierà ancora", clicca qui per la foto e per i commenti dei follower. Sabato prossimo, i partecipanti al flash mob saranno invitati a "mettersi nei panni degli altri" e ad indossare una maglietta rossa, del colore dei vestiti e delle magliette dei bambini che muoiono in mare e che a volte il mare riversa sulle spiagge del Mediterraneo: un "primo passo per costruire un mondo più giusto, dove riconoscersi diversi come persone e uguali come cittadini". Hanno anche indossato una maglietta rossa rispondendo all'appello lanciato da Libera in tutta Italia. Ma è anche e soprattutto il colore delle magliette e dei vestiti indossati dai piccoli migranti che tentano la fortuna con le traversate nel Mediterraneo, i cui corpi tuttavia vengono restituiti dal mare dopo i naufragi. Così tanti bambini che scappano da guerre e carestie in Africa. Invitiamo, dunque, tutti a prendere parte a questa iniziativa e a rilanciare sui social network la partecipazione con la maglietta rossa attraverso l'hashtag #mettiamocineiloropanni.

Replica al vicepremier Don Ciotti: "Gliela porto molto volentieri una maglietta al Viminale, un piccolo gesto, ma un gesto fatto con rispetto", afferma intervistato da Rainews. In rosso Fiorella Mannoia, Vasco Rossi, Roberto Saviano, Gad Lerner, Carlo Lucarelli, Rosy Bindi, il medico di Lampedusa Pietro Bartolo. "Sono stati illuminati di rosso il colonnato di piazza del Plebiscito ed il Maschio Angioino a Napoli, in rosso anche sul rifugio del Gran Paradiso", fanno sapere dallo staff di Libera. Di diverso parere è Alessandro Di Battista. Adesione convinta anche dalla Funzione Pubblica, che nell'aderire alla mobilitazione delle magliette rosse, ha voluto stigmatizzare l'ultimo intervento del ministro Salvini, con la circolare inviata a prefetti e presidenti delle Commissioni che pone ulteriori paletti per il riconoscimento della protezione internazionale.

"Rosso è il colore che ci invita a sostare". "Quanto conformismo e quanta viltà si nasconde nella facile solidarietà".

Altre Notizie