Lunedi, 19 Novembre, 2018

Migranti: Fico, no a politica Austria

Il presidente della Camera Roberto Fico incontra i cittadini del quartiere Vasto. Napoli 6 Luglio 2018 Il presidente della Camera Roberto Fico incontra i cittadini del quartiere Vasto. Napoli 6 Luglio 2018
Evangelisti Maggiorino | 09 Luglio, 2018, 14:23

"Perché senza integrazione c'è miseria e insicurezza sociale".

"Per i richiedenti si deve rispettare la legge, punto".

Fico ha anche parlato di immigrazione e dal palco del Festival di Polignano a mare ha rievocato le parole del Capo dello Stato che poche ore prima aveva definito irrazionale la chiusura dei confini: "Io condivido pienamente quello che ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e credo che l'Austria non può pensare di chiudere le proprie frontiere". Un concetto chiaro, lontano da qualunque idea di rifiuto dell'altro, men che meno di razzismo, ma che fotografa il disagio di alcune aree napoletane dove c'è massiccia presenza di extracomunitari. "Perché - ha proseguito - il Paese si ricostruisce anche riparando le ferite che sono state inferte".

Una bella gatta pelare per Luigi Di Maio, leader del Movimento 5 Stelle e Vicepremier del governo giallo-verde, che ha più volte invitato il primo inquilino di Montecitorio a maggiore "equilibrio" e "diplomazia".

Il taglio dei 1.405 vitalizi attualmente erogati dalla Camera, progettato dal presidente Fico in collaborazione con l'Inps e con l'Istat, prevede un risparmio di circa 40 milioni di euro: se dobesse passare la delibera, 1.338 di quei vitalizi saranno infatti ricalcolati e ridotti, mentre i restanti 67 non subiranno modifiche ma non vedranno comunque aumentare l'importo degli assegni in quanto la delibera contiene una clausola di sterilizzazione che li congela al 31 ottobre 2018. "E' una politica che non va bene - ha risposto Fico - e che va cambiata". "Serve dialogo per assumere insieme le responsabilità di proposte e soluzioni ai problemi e poi portarle in Parlamento", conclude.

Altre Notizie