Domenica, 18 Novembre, 2018

Farmaci per la pressione cancerogeni: 700 lotti ritirati. Ecco la lista completa

Aifa, ritiro lotti di diversi farmaci con valsartan - Salute & Benessere Aifa ritira diversi farmaci con valsartan
Machelli Zaccheo | 06 Luglio, 2018, 16:54

L'AIFA ha disposto giovedì il ritiro dalle farmacie e da tutta la catena della distribuzione di oltre 700 lotti di farmaci prodotti da diverse azienda farmaceutiche contenenti il principio attivo valsartan, a causa di alcune impurità durante la sua produzione nello stabilimento della Zhejiang Huahai Pharmaceuticals, nel sito di Chuannan in Cina. La sostanza trovata sarebbe la N-nitrosodimetilamina (Ndma), classificata come probabilmente cancerogena per l'uomo.

Con una nota, l'Aifa - l'Agenzia del farmaco - ha ritirato dal mercato una serie di medicinali che contengono il principio attivo del valsartan. Il principio attivo cinese è stato poi utilizzato da diverse aziende farmaceutiche, quelle per le quali è scattato il provvedimento di sospensione. Valsartan è un antagonista del recettore dell'angiotensina II ed è usato per trattare l'ipertensione e l'insufficienza cardiaca. I pazienti che sono in cura con farmaci a base di valsartan devono verificare se il medicinale che assumono sia presente nella lista dei medicinali coinvolti dal ritiro a scopo precauzionale. Per questo motivo, insomma, l'agenzia del farmaco ha stabilito il ritiro delle confezioni di farmaci per chi cura la propria pressione del sangue. Per i pazienti trattati con i medicinali riportati nell'elenco di cui sopra la terapia può essere sostituita con un altro Valsartan o con altro antagonista del recettore dell'angiotensina II.

Ma se si è in trattamento con uno dei prodotti presenti nella lista bisogna consultare il medico il prima possibile per passare ad altri farmaci. In ogni caso, consiglia di parlare col proprio medico di famiglia per concordare un trattamento alternativo con altro medicinale a base di valsartan non interessato dal ritiro o con un farmaco diverso. Se stai prendendo parte a una sperimentazione clinica con valsartan e hai dei dubbi, rivolgiti al clinico responsabile dello studio.

Aifa e Ema, Agenzia Europea del Farmaco, lavorano al momento a stretto contatto cercando di capire quale possa essere il grado di impurità del farmaco e quali potrebbero essere le conseguenze per i pazienti.

Altre Notizie