Lunedi, 24 Settembre, 2018

Thailandia: ritrovati vivi i 12 giovani calciatori dispersi in una grotta allagata

Le bombole di ossigeno vengono portate ai sub Le bombole di ossigeno vengono portate ai sub
Evangelisti Maggiorino | 03 Luglio, 2018, 01:21

E invece sì: sono stati trovati vivi e in buone condizioni i 12 ragazzi dispersi con il loro allenatore in una grotta thailandese dal 23 giugno. "Ci prenderemo cura di loro sino a quando potranno spostarsi" Narongsak Osatanakorn, il governatore della provincia di Chiang Rai, che è a capo delle operazioni di soccorso.

Alle ricerche partecipano circa un migliaio di persone, anche con l'ausilio di specialisti di sei Paesi stranieri.

I soccorritori hanno avuto un contatto con i dispersi dopo aver stabilito una base all'interno del complesso reticolato di grotte sotterranee. L'arrivo di medici addestrati per le immersioni è previsto nel giro di poche ore. "Sono così felice che non riesco a pensare ad altro", ha dichiarato un genitore al quotidiano thailandese The Nation. Il primo ministro Prayuth Chan-ocha ha ringraziato pubblicamente le squadre di soccorso, che negli ultimi giorni erano diventate una vera task force multinazionale, con la partecipazione di specialisti americani, britannici, australiani, cinesi e giapponesi, oltre che di appartenenti a una decina di agenzie governative, residenti e volontari. Lo ha fatto sapere il governatore locale.

Il gruppo di ragazzi che era intrappolato in una grotta in Thailandia è stato trovato a 400 metri dalla cavità di "Pattaya Beach", rimasta asciutta durante le inondazioni, e apparentemente non si sono mossi da lì per per tutta la durata della loro scomparsa.

Sono in azione senza sosta le pompe che devono svuotare la grotta dell'incubo.

In molti credevano che non fosse possibile che a questa storia si potesse scrive la parola fine aggiungendo un sorriso. I ragazzini fanno parte della squadra di calcio Moo Pa (cinghiale).

Altre Notizie