Giovedi, 15 Novembre, 2018

Decreto dignità sul tavolo: stop per i contratti a termine

Il decreto dignità costa 3,5 miliardi: scontro tra Di Maio e la Ragioneria Decreto dignità: cosa cambia per le imprese che delocalizzano
Esposti Saturniano | 30 Giugno, 2018, 14:51

Roma, 28 giu. - "Il decreto dignità sarà al più presto, tra lunedì e martedì, in Consiglio dei ministri per l'approvazione".

Dopo le forti prese di posizione dei giorni scorsi, con il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio che aveva puntato il dito contro il poker online, anticipando che il.

Tra le principali novità contenute nel decreto figura la stretta sui contratti a termine. Ogni rinnovo, a partire dal secondo, sarà sottoposto ad un aggravio contributivo dello 0,5%. Resta il limite massimo di durata di 36 mesi ma viene reintrodotta la causale che non dovrà essere indicata per il primo contratto ma al primo rinnovo o per quelli oltre i 12 mesi.

Più specificamente, saranno sanzionate le imprese che ricevono aiuti di Stato e portano la produzione all'estero prima che sia trascorso un decennio.

Nello specifico, come si legge nella Relazione Illustrativa al provvedimento, "la disposizione di cui all'articolo 8 pone il divieto della pubblicità del gioco d'azzardo, in considerazione delle rilevanti dimensioni che tale pratica ha assunto nel nostro Paese con conseguente aumento del rischio soprattutto per i soggetti più vulnerabili di una dipendenza socio- economica con veri e propri effetti patologici, che si riflettono sul soggetto con gravi disagi per la persona, compromettendo l'equilibrio familiare, lavorativo e finanziario comportando un aumento dell'indebitamento e quindi con un più facile assoggettamento a prestiti usurari". Il mancato rispetto del divieto comporterà multe salate pari al 5% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità, partendo da un minimo di 50mila euro.

All'interno di questo primo provvedimento dovrebbero esserci anche l'abolizione dello spesometro, del redditometro e dello split payment ed il rinvio della fattura elettronica obbligatoria.

Altre Notizie