Domenica, 15 Settembre, 2019

Migranti, anche il premier spagnolo Sánchez attacca l’Italia

L'attacco di Sanchez Italia egoista L'attacco di Sanchez: "Italia egoista"
Esposti Saturniano | 27 Giugno, 2018, 20:04

Il premier spagnolo Pedro Sanchez, intervistato da El Pais, ieri ha definito "egoista" il governo italiano.

Alla vigilia del mini-vertice Ue sull'immigrazione, sono cresciute le accuse reciproche tra Italia, Francia e Spagna sul tema dell'immigrazione.

Secondo Sanchez l'atteggiamento dell'Italia "ha anche a che fare con la mancanza di solidarietà dimostrata in precedenza dall'Ue nei riguardi di un Paese che ospita già mezzo milione di esseri umani provenienti dalle coste libiche" e conclude che "bisogna fare fronte a questa crisi col concerto europeo".

Nella lunga intervista, Sanchez tratta a tutto tondo del programma del governo spagnolo, Sanchez fa la sua affermazione rispondendo a una domanda se la creazione di centri di sbarco fuori dai confini dell'Unione sia una soluzione: "Devo prima conoscere più in dettaglio la proposta che ci faranno". Non mi pare una soluzione che siano i Paesi di frontiera (dell'Ue) a doversene prendere carico da soli.

Continua la polemica migranti dopo le ferme decisioni di Matteo Salvini che stanno spiazzando molti Paesi dell'Ue che, adesso, dopo anni di sorrisi e strette di mano, si schierano contro l'Italia che chiama al proprio dovere, con fermezza, tutti gli appartenenti all'Unione Europea. L'eurofobia è la principale sfida dell'Ue", ha affermato, sostenendo la necessità di "rinforzare l'asse Madrid-Parigi-Berlino. "Noi spagnoli non saremo insensibili a queste tragedie umanitarie, ma è evidente che la Spagna non può rispondere da sola" ha risposto il premier. Vorrei anche incorporare a Lisbona.

La politica migratoria, per Sanchez, ha necessariamente bisogno di una risposta che arrivi da una Europa unita.

Altre Notizie