Domenica, 20 Ottobre, 2019

Migranti: al vertice Ue a Bruxelles Italia sul banco degli imputati

Duello Merkel Seehofer, chi rischia davvero è l'UE (di C. Meier) La Merkel si piega, Macron impazzisce: ma quant' è grande questa Italia? –
Deangelis Cassiopea | 26 Giugno, 2018, 18:26

Anche per questo nel governo non si esclude che, se il mini-summit sembrerà incanalarsi su un binario morto, Conte sventolerà alcune "carte" poco amichevoli: dall'evocazione della riduzione del contributo finanziario italiano all'Ue alla minaccia del veto al Consiglio europeo del 28 giugno fino ad un atteggiamento più muscolare contro le sanzioni nei riguardi di Mosca. Anzi, ne ha bisogno, per mantenere la sua centralità ed essere rieletto. Il minivertice è stato caratterizzato dalle polemiche reciproche tra Francia e Italia, mentre i Paesi di Visegrad (Ungheria, Polonia, Repubblica ceca e Slovacchia), contrari alle ricollocazioni, non hanno partecipato.

A Salvini non piace la sequenza delle soluzioni indicate da Parigi e Berlino in vista del vertice Ue di Bruxelles sui migranti: "A me non piace l'ordine di precedenza - dice allo Spiegel - sul tavolo lì c'è innanzitutto la questione dei respingimenti immediati verso l'Italia di coloro che originariamente sono approdati sulle nostre coste, e solo successivamente la sicurezza delle frontiere esterne per il futuro".

A rispondere a Macron è il leader pentastellato Luigi Di Maio, che su twitter rilancia quanto affermato dal presidente francese e aggiunge: "Queste sono le parole che ha pronunciato Macron".

Il capo dell'Eliseo ha dichiarato che gli sbarchi sono diminuiti "dell'80%" in un anno e che siamo invece in presenza di una "crisi politica", alimentata da "estremisti che giocano sulle paure". Pronta la replica di Di Maio alle parole di Macron che lo ha definito: "Offensivo e ipocrita". Ora rampogna l'Italia. Ha dimenticato le vergognose azioni anti-migranti della Francia al confine di Bardonecchia e gli scellerati raid aerei (con gli inglesi) che tolsero, sì, di mezzo il dittatore Gheddafi, ma destabilizzarono completamente la Libia, rendendola terra ideale per i nuovi mercanti di schiavi. Salvini: 'Macron arrogante, apra i porti' - "650mila sbarchi in 4 anni, 430mila domande presentate in Italia, 170mila presunti profughi a oggi ospitati in alberghi, caserme e appartamenti per una spesa superiore a 5 miliardi di euro". La differenza col passato è che l'approvazione dell'Italia non è garantita a priori. "Conte ha il mandato di dire sì o no, di partecipare oppure alzarsi e sparire. Mi stupisce la cattiveria dei francesi, sarebbe un bel gesto l'apertura del porto di Marsiglia a questa nave che non si vede perché deve arrivare in Italia visto che non ha nulla a che vedere con il nostro paese". Ma lui non vola con un incarico a Bruxelles.

Secondo la stampa tedesca, il governo Grosse Koalition capeggiato dalla Merkel, è messo sotto ostaggio dai ricatti del Ministro dell'Interno conservatore Horst Seehofer - membro della CSU - il quale avrebbe chiesto alla Cancelliera di proporre misure concrete nel tempo massimo di due settimane, per contrastare l'immigrazione clandestina e virare maggiormente a destra la politica migratoria dell'esecutivo.

Nel mese di giugno (fino alle 8 di ieri) i migranti arrivati via mare in Italia sono stati 2.886 e a maggio 3.963. Non arretreremo di un millimetro.

Altre Notizie