Mercoledì, 26 Giugno, 2019

Di Maio annuncia: "Vogliamo finalmente abolire le pensioni d’oro"

Luigi Di Maio Luigi Di Maio
Esposti Saturniano | 26 Giugno, 2018, 02:58

Il governo dunque, annuncia un Di Maio boerizzato, si appresta ad aumentare le pensioni minime finanziate con il taglio di quelle d'oro percepite senza aver versato i contributi corrispondenti. Di Maio ha infatti dichiarato: "Vogliamo finalmente abolire le pensioni d'oro che per legge avranno un tetto di 4.000/5.000 euro per tutti quelli che non hanno versato una quota di contributi che dia diritto a un importo così alto".

L' intenzione del Ministro consiste nel risparmiare una grande quantità di denaro, in modo da permettere a chi guadagna una pensione minima di avere un aumento.

Cancellare le pensioni d'oro per aumentare le minime. Ma "quest'estate per i nababbi a spese dello Stato sarà diversa".

Introdurre un tetto per le pensioni d'oro a condizione che chi le riceve non abbia versato la relativa quota di contributi. "Questo tema deve avere la priorità assoluta", ha detto Luigi di Maio su Ansa.

Dichiarazioni che però non convincono l'esperto di previdenza Giuliano Cazzola visto che dal canto suo, sarebbero avvantaggiate tutte quelle persone che, grazie alla cosiddetta flat tax [VIDEO]beneficeranno di un abbattimento dell'aliquota fiscale che andrebbe dal 43 al 15 per cento.

Quindi ci sono pensionati che percepiscono più di quanto dovrebbero (se si tiene conto dei contributi effettivamente accreditati) e per questo motivo è necessario effettuare un ricalcolo così da avere delle nuove risorse da destinare alla riforma delle pensioni annunciata nel contratto di Governo. Quest'estate non ci sono i mondiali, ma presto avremo qualcosa da festeggiare: "la fine delle pensioni d'oro e l'inizio di un'Italia più giusta", conclude Di Maio. Il risparmio prevede di togliere a coloro che guadagnano maggiormente qualche miliardo di euro, permettendo così ai più deboli di avere un'entrata maggiore. Ma entrambi non capiscono che il problema principale per l'Istituto previdenziale è la separazione dell'assistenza dalla previdenza, mentre adesso in bilancio si confondono le acque, così da non avere dati precisi sui due distinti settori e poter agire politicamente come meglio si crede.

Altre Notizie