Domenica, 15 Settembre, 2019

Migranti: Merkel a Macron, "posizioni Italia vanno considerate"

Giuseppe Conte con Angela Merkel Giuseppe Conte con Angela Merkel +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 20 Giugno, 2018, 16:38

Il presidente della Repubblica francese Emanuelle Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno trovato un accordo sui migranti e sulle riforme dell'eurozona. "Accoglieremo le valutazioni dell'Italia sulla migrazione", ha aggiunto, sottolineando che è un paese particolarmente esposto. "Noi sosteniamo le proposte della Commissione e il rafforzamento di Frontex". "La questione dell'immigrazione non è ancora sotto controllo", ha detto Seehofer.

In Europa servono "più sovranità e più compattezza, più coordinamento", ha spiegato Macron a proposito della politica di difesa. Per Merkel quella dei migranti e' "una sfida comune".

Dalla cancelliera tedesca è arrivata un'apertura - sia pur molto generica - alle richieste italiane: "Sappiamo che l'Italia ha una serie di problemi per la disoccupazione giovanile - ha sottolineato Merkel - E' importante intavolare un discorso e collaborare, lo avevo già detto al premier Conte in Canada (al G7), nel frattempo si sono incontrati i nostri due ministri del Lavoro". Intanto, durante la conferenza stampa, Angela Merkel ha voluto rispondere all'attacco di Donald Trump che aveva criticato le politiche tedesche sul tema dell'immigrazione, vista come causa di criminalità. Ma la questione non sono i 14 giorni.

Dopo aver fatto riferimento alle problematiche legate ai flussi migratori, Angela Merkel ed Emmanuel Macron hanno parlato dei progetti comuni di Germania e Francia sulle riforme dell'Eurozona: "Oggi è una buona giornata per la collaborazione franco-tedesca, abbiamo raggiunto un buon risultato: siamo a favore di un budget dell'eurozona e della trasformazione del Meccanismo di solidarietà europeo (Esm) in un fondo monetario europeo", ha detto Merkel. "Dobbiamo far sì che la Libia possa prendersi cura dei migranti prima che partano verso le nostre coste, anche attraverso l'Oim o l'Unhcr".

Altre Notizie