Giovedi, 20 Giugno, 2019

Trump attacca la UE sui migranti

Esposti Saturniano | 19 Giugno, 2018, 21:27

E lo fa criticando apertamente il marito presidente degli Stati Uniti per come sta gestendo la questione degli immigrati al confine con il Messico.

La verità è che la separazione dei bambini (oltre 2.000, di cui oltre 100 sotto i 4 anni) è frutto della politica di tolleranza zero dell'amministrazione Trump e che al Congresso non c'è alcuna proposta di legge bipartisan.

Nel caso di famiglie che tentano di attraversare illegalmente il confine con gli Stati Uniti, i genitori vengono arrestati e vengono loro sottratti i minori senza nessuna certezza sulle procedure eventuali per la loro ricongiunzione. Questo è quanto ha dichiarato tramite la sua portavoce Stephanie Grisham alla Cnn.

La first lady ha fatto dell'attenzione ai bambini il punto cruciale della sua campagna 'Be Best'. E il suo prolungato silenzio sulla vicenda, da giorni uno dei principali titoli dei media americani, cominciava a fare rumore.

Il pugno di ferro contro i clandestini che fuggono dalle violenze dell'America centrale ha suscitato riserve tra gli stessi repubblicani, indignazione tra i democratici e i leader religiosi, nonché la dura condanna dall'Alto Commissariato per i diritti umani dell'Onu, che ha denunciato la violazione dei diritti dei bambini. Oggi le tv hanno cominciato a trasmettere anche le immagini delle tendopoli dove sono trattenuti i bimbi e delle proteste di molti attivisti. "Se non vogliono essere separati dai loro figli, non dovrebbero portarli", aveva ammonito cinicamente il ministro della giustizia Jeff Sessions, che recentemente ha anche escluso la violenza domestica e quella provocata dalle gang criminali come base per le richieste di asilo.

Trump continua a scaricare la colpa sui democratici, richiamandoli su Twitter a impegnarsi con i repubblicani per la nuova legge per l'immigrazione.

Il presidente Usa Donald Trump ha minacciato di imporre una tariffa del 10% su beni cinesi del valore di 200 miliardi di dollari, innescando un pronto avvertimento di ritorsione da parte di Pechino in un contesto di rapida escalation del conflitto commerciale tra le due maggiori economie mondiali.

Altre Notizie