Domenica, 17 Novembre, 2019

Caso Regeni. Acerbo (PRC): "Salvini come Alfano antepone gli affari con l’Egitto"

I genitori di Giulio Claudio e Paola I genitori di Giulio Claudio e Paola Regeni
Evangelisti Maggiorino | 18 Giugno, 2018, 21:32

Il governo del presunto cambiamento in realtà ragiona come chi lo ha preceduto.

Negli scorsi giorni, il Presidente della Camera Roberto Fico ha invece incontrato i genitori di Regeni e l'ambasciatore italiano al Cairo Gianpaolo Cantini, proprio in una fase in cui gli inquirenti sono riusciti a mettere di fronte ai colleghi egiziani elementi cruciali per poter circoscrivere le responsabilità di nove agenti della National security.

Persino sul caso di Giulio Regeni ci fa vergognare di essere italiani.

"Io comprendo bene la richiesta di giustizia della famiglia Regeni - questa la frase riportata da Adnkronos -, ma per noi, per l'Italia, è fondamentale avere buone relazioni". "Ha liquidato il caso di Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso in Egitto in circostanze ancora da chiarire, come un 'problema' che riguarda la sua famiglia". "Per quanto possano essere importanti i rapporti diplomatici tra Italia ed Egitto, nulla è più importante che stabilire la verità".

Le attuali posizioni di Matteo Salvini in merito all'omicidio del giovane ricercatore morto in circostante misteriose in Egitto sono cambiate.

"Le parole del ministro Salvini sono semplicemente raccapriccianti". Sono parole ignobili. Cosa ne pensa il presidente Fedriga? Sacrificheranno anche loro la battaglia per Giulio in nome degli interessi di governo? - ha affermato l'eurodeputata Pd Isabella De Monte dopo le dichiarazioni del ministro Salvini. "Se lo ricordi Salvini, soprattutto quando dice #primagliitaliani".

"Prima gli italiani" evidentemente è uno slogan che non vale per gli italiani ammazzati all'estero nei paesi amici. La Cgil sollecita anche la Giunta e il Consiglio del Friuli Venezia Giulia "a continuare a farsi portatori davanti al Governo, indipendentemente da qualsiasi logica di partito e di schieramento, dell'ineludibile istanza di verità e giustizia posta non soltanto dalla famiglia Regeni, ma da tutta la comunità regionale".

Altre Notizie