Domenica, 23 Settembre, 2018

L'Aquarius sbarca a Valencia. Salvini: "Spagna ne accolga altri 66mila"

Due medici salutano la nave Aquarius Due medici salutano la nave Aquarius
Evangelisti Maggiorino | 18 Giugno, 2018, 14:23

Marco Imarisio del Corriere della Sera scrive che "nell'attesa che si definisca il loro status giuridico, la maggior parte dei migranti dell'Aquarius trascorreranno le loro giornate in abitazioni private, messe a disposizione dai cittadini di Valencia e dalla curia". Il nuovo governo italiano aveva negato alla Aquarius l'autorizzazione per arrivare in Italia - per dare un segnale all'Europa, secondo il ministro dell'Interno Matteo Salvini - e aveva chiesto al governo di Malta di gestire l'accoglienza dei migranti a bordo; Malta aveva rifiutato sostenendo che secondo il diritto internazionale stava all'Italia prendersene carico.

Il presidente Pedro Sánchez, riferisce il quotidiano, ha ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron, sottolineando che questa è la cooperazione "con cui l'Europa deve rispondere".

IL MESSAGGIO DI BENVENUTO - Intanto Valencia ha deciso di accogliere le persone a bordo dell'Aquarius con un grande cartello con su scritto "Welcome home", che è stato issato nel porto della città spagnola. Il personale sanitario, arrivato nelle primissime ore della mattina nel porto di Valencia, controllerà lo stato dei migranti a bordo della Dattilo: 182 uomini, 32 donne (una delle quali incinta) e 60 minori.

Valencia, 17 giu. (askanews) - "La Guardia Costiera italiana ci ha soccorso". Sos Mediterranee ha anche postato un video in cui si vedono i migranti sulle navi della navi ballare ed esultare alla vista delle coste spagnole. La Aquarius, con i suoi 630 migranti raccolti in mare ormai dieci giorni fa, ha attraccato nel porto di Valencia dopo un lungo e anche pericoloso pellegrinaggio nel mediterraneo, qualche ora dopo la Dattilo, nave della Guardia costiera italiana che si era caricata una parte delle persone assieme alla Orion della Marina militare italiana, che chiude il convoglio. Avranno un permesso temporaneo di 30 giorni per rimanere in Spagna per ragioni umanitarie, quindi non entreranno irregolarmente e avranno tempo per preparare la loro documentazione.

Altre Notizie