Martedì, 23 Ottobre, 2018

"Con la Francia caso chiuso, ora cambiare Dublino" (Conte)

Governo Conte sente Macron domani sera sarà a Parigi Italia, dopo il no all’Aquarius ecco lo sdegno ipocrita dell'Europa
Evangelisti Maggiorino | 14 Giugno, 2018, 20:47

"Il Presidente della Repubblica ha ricordato di aver sempre difeso la necessità di una solidarietà europea accresciuta nei confronti dell'Italia". Una circostanza confermata dallo stesso Conte: il presidente francese "mi ha detto che le frasi rivolte all'Italia non sono a lui attribuibili".

"Il caso con la Francia ormai èchiuso".

Durante la telefonata i due hanno avuto "uno scambio di vedute", comunica il governo. "La nostra storia non merita di essere apostrofata in questi termini da esponenti del Governo francese che spero diano scuse", ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini nella sua informativa al Senato.

La risposta di Macron non si è fatta attendere. Da qui la linea condivisa da Palazzo Chigi e Farnesina, ma appoggiata anche dal Quirinale, di prevedere l'annullamento del bilaterale in caso di mancate scuse. Sul vertice di venerdì, ha aggiunto, "decide in totale autonomia il presidente del Consiglio, certo dare ad un Governo appena insediato del cinico e vomitevole da chi presidia e respinge" non va bene. Da qui, i toni si sono inaspriti e i rapporti tra i due stati sembravano compromessi.

E c'è stata una telefonata in un "clima cordiale" tra il ministro dell'Economia Giovanni Tria e il suo omologo francese Bruno Le Maire dopo la decisione del primo di annullare l'incontro odierno in seguito alle tensioni sulla questione migranti.

Mercoeldì però Macron è tornato ad attaccare, questa volta Salvini. Noi che viviamo in una terra di frontiera sappiamo bene di cosa stiamo parlando, di quanto ci hanno fatto arrabbiare con i loro atteggiamenti squadristi sia al confine di Ventimiglia- Mentone e tutta la Val Roja ma anche a Modane - Bardoneccha dove c'è stato l'episodio gravissimo dell'invasione dei gendarmi in terra italiana.

Conte non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla vicenda Aquarius e sullo scontro con Parigi. Critiche che non hanno minimamente scosso Salvini, che ad una domanda sul rischio che l'Italia possa rimanere isolata ha risposto: "Non siamo mai stati così centrali ed ascoltati".

Il quotidiano di via Solferino riferisce anche della lettura che governo e ministero degli Esteri hanno dato delle parole di Macron. "Se gli do ragione, aiuto la democrazia?", ha chiesto parlando ai francesi in Vandea. Macron, sottoposto alla pressione dei suoi, ha adottato una posizione durissima contro il comportamento dell'Italia sul caso Aquarius, definendolo "una provocazione".

Altre Notizie