Mercoledì, 14 Novembre, 2018

L'Avis regionale di Basilicata alla giornata mondiale dei donatori di sangue

Domani Giornata donatore sangue, Gemelli regala app - Sanità Donatori di sangue in calo, il dato più basso dal 2009
Machelli Zaccheo | 14 Giugno, 2018, 16:17

Nel 2017 sono state effettuate oltre tre milioni di donazioni (3.006.726 per la precisione), trentamila in meno rispetto all'anno precedente. La Giornata quest'anno ha come titolo "Be there for someone else". Give blood, share life", in italiano: "Sii disponibile per qualcun altro. Nel 31% dei casi si tratta di donne, la fascia di età in cui sono più numerosi è quella 46-55 anni, il 29% del totale, e quelli tra 36 e 45, il 26%. Lo ha detto l'assessore regionale al Welfare di Regione Lombardia nel corso della conferenza stampa organizzata, questa mattina, in occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue, che si celebra domani, nella rinnovata sede dell'Avis di Milano, con il presidente regionale dell'Associazione Oscar Bianchi e del presidente onorario e dg di Milano Sergio Casartelli.

- Sono 112,5 i milioni di donazioni di sangue effettuate ogni anno a livello globale. Circa la metà di queste donazioni proviene da Paesi ad alto reddito, dove vive solo il 19% della popolazione mondiale.

- Nelle aree in via di sviluppo, fino al 65% delle trasfusioni di sangue viene somministrato a bambini di età inferiore ai 5 anni. Il tasso di donazione di sangue, infatti, va dalle 32,1 donazioni ogni mille abitanti nei paesi ad alto reddito alle 4,6 nei paesi a basso reddito. Per questo i donatori di sangue sono una risorsa preziosa per la medicina, così come lo sono i grandi chirurgi, i bravi anestesisti, i medici di qualità. Tuttavia due innovazioni appena introdotte potrebbero aiutare a scongiurare le carenze periodiche che si verificano nei mesi estivi e in quelli di picco dell'influenza. Il ministero della Salute ha inserito per la prima volta i donatori di sangue tra le categorie per cui è possibile offrire gratuitamente il vaccino antinfluenzale. Chi intende diventare donatore può recarsi, possibilmente a digiuno, nei centri di raccolta o nei punti di raccolta sangue della propria città dove sarà accolto e accompagnato da un medico per un colloquio, una visita e un prelievo del sangue necessario per eseguire gli esami di laboratorio prescritti per accertare l'idoneità al dono.

Punta di diamante delle regioni italiane è l'Emilia Romagna.

Sangue: i dati 2017 in Emilia-Romagna - Nel 2017 le unità raccolte di sangue intero sono state 216.479, le unità trasfuse 201.552. "Non dobbiamo pero' abbassare la guardia - ha proseguito - perche' sebbene il trend delle donazioni sia aumentato dell'1,14% rispetto al 2016, e' diminuito dell'8% il numero degli aspiranti donatori". A Piacenza si è registrata una lieve flessione di donatori che sono passati dal 7.293 del 2016 a 7.211 del 2017. Il Centro regionale sta lavorando assieme alle Aziende sanitarie dell'Emilia Romagna per promuovere il buon uso del sangue, ovvero un utilizzo appropriato alle necessità e alle condizioni del paziente. Dal 2008 al 2013 è stato registrato un aumento di 10,7 milioni di donazioni di sangue da donatori volontari non retribuiti.

Altre Notizie