Вторник, 19 Июня, 2018

MotoGp, Iannone lascia la Suzuki: divorzio a fine stagione

MotoGP Suzuki-Iannone, addio: il pilota verso l'Aprilia MotoGp, "nuova vita" per Andrea Iannone: in Aprilia dal 2019
Cacciopini Corbiniano | 11 Июня, 2018, 11:37

La casa di Hamamatsu si è dichiarata "grata ad Andrea Iannone per il contributo dato allo sviluppo della moto e per i risultati ottenuti insieme, confermando un appoggio incondizionato fino al termine della stagione, sperando in risultati ancora migliori nelle restanti gare". Da chi lo rivoleva in Ducati ufficiale accanto a Dovizioso, a chi lo voleva in Yamaha clienti con Morbidelli, a chi addirittura come compagno di box di Marquez in Honda. Due notizie che erano nell'aria: all'abruzzese non sono bastati i due podi conquistati in questo inizio di stagione a Austin e Jerez per convincere la Suzuki, che probabilmente punterà sul talento del giovane Joan Mir.

Finisce ufficialmente l'avventura di Andrea Iannone con la Suzuki, a renderlo noto è il team giapponese con un comunicato apparso sul proprio sito ufficiale. Andrea è un pilota forte, veloce e concreto. Riguardo alla sua storia più recente, c'è da sottolineare che l'Aprilia porta avanti, e in maniera alquanto brillante, un progetto ambizioso e in costante crescita, condotto da un reparto corse che è il più giovane della MotoGP e che fa della tecnologia una delle sue armi vincenti. "Benvenuto Andrea, facci divertire!" ha concluso Gresini.

La coppia Iannone-Espargaro rappresenta infatti una delle combinazioni più interessanti in MotoGP, è in grado di assicurare grande competitività e un livello tecnico di assoluta eccellenza, per ridurre ulteriormente il gap dalla vetta della classifica.

In MotoGP dal 2013, dopo essersi messo in mostra in 125 e Moto2 raccogliendo un totale di 12 vittorie e 12 piazzamenti a podio, Andrea Iannone vanta in top class un palmares di una vittoria, 8 podi e 2 pole position.

"Ora dobbiamo restare concentrati sulla stagione 2018, a partire dal prossimo GP di Barcellona", aggiunge Albesiano. L' Aprilia RS-GP già ha dimostrato di avere molto partenziale, sia Scott Redding che Aleix Espargarò stanno disputando un ottimo Campionato, ma è tempo di crescere e di portare lo sviluppo e le conoscenze maturate in MotoGP anche sulla produzione in serie.

Altre Notizie