Mercoledì, 14 Novembre, 2018

Aquarius, ambasciatrice maltese in Italia: "Non c’entriamo nulla"

Malta rifiuta approdo a nave con migranti indaga Polizia di Ragusa Ragusa, arrivano a Pozzallo 235 migranti: è il secondo sbarco dell'era Salvini
Evangelisti Maggiorino | 11 Giugno, 2018, 09:27

"Ma in sette giorni stiamo già riportando la nave Italia verso il largo, con un obiettivo preciso". Non solo, secondo l'ambasciatrice maltese in Italia, Vanessa Frazier - intervistata da Tg Com24 - il Governo di La Valletta ha dato disponibilità alla nave di sbarcare quando era vicino al porto dell'isola: "Abbiamo dato autorizzazione ma il capitano ha deciso di non approdare a La Valletta a causa delle avverse condizioni atmosferiche", conferma l'ambasciatrice.

L'unità di soccorso, gestita da Sos Mediterranèe con personale di Medici senza Frontiere, è al centro del braccio di ferro avviato dal ministro dell'Interno Matteo Salvini con le autorità di Malta a cui, con una lettera urgente, è stato chiesto di consentire lo sbarco, essendo quello il "porto più sicuro".

A favore dell'accoglienza anche Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria: "Siamo disponibili come sempre di fronte a donne, uomini e bambini che hanno bisogno di cure".

"Il governo di Malta non è né l'autorità che coordina ne ha competenza sul caso" della nave Aquarius, ha detto un portavoce del governo di Malta citato dal quotidiano Malta Today. Sono state complessivamente sei le operazioni di soccorso effettuate davanti alle acque libiche. Il Mediterraneo è il mare di tutti i Paesi che vi si affacciano e non si può immaginare che l'Italia continui ad affrontare questo fenomeno gigantesco in solitudine. Ministro scrive a La Valletta che replica 10 giugno 2018 - agg.

"A dispetto del diktat del ministro Salvini - ha aggiunto il primo cittadino - l'amministrazione Accorinti dichiara la sua disponibilità immediata perché la nave Aquarius possa attraccare presso il porto cittadino. Noi continueremo a salvare vite umane, altri restano nel torto". Quello con Malta e un contenzioso che dura da tempo. Anche Malta deve fare il suo dovere e accolga gli oltre 600 migranti che stanno a bordo della nave Aquarius. Le persone non sono merci, il diritto alla vita è fondamentale", è la dichiarazione del sindaco di Messina Renato Accorinti, che aggiunge in una nota: "L'esordio del ministro Matteo Salvini nella gestione dell'accoglienza ai migranti ci lascia esterrefatti, sia nella dimensione umanitaria negata, che nella conoscenza delle leggi del mare. E' l'appello lanciato via Twitter dall'agenzia Onu per i rifugiati Unhcr in Italia.

Altre Notizie