Martedì, 21 Agosto, 2018

Diritti Tv: Approvati i pacchetti, due abbonamenti per guardare la Serie A?

Diritti tv Mediapro non molla Diritti tv, Mediapro e Sky in Lega: ultime ore di trattative private
Deangelis Cassiopea | 08 Giugno, 2018, 21:36

L'assemblea della Lega Serie A, dedicata alla cessione dei diritti tv per il triennio 2018-2021, ha approvato all'unanimità i pacchetti che verranno messi all'asta.

Per guardare le dirette in tv o sul web dell'intero campionato di Serie A saranno necessari almeno due abbonamenti diversi, salvo accordi commerciali fra gli operatori licenziatari. È quanto prevede in sintesi il bando della Lega di Serie A. In vendita ci sono tre pacchetti con esclusive per prodotto, ma nessun operatore può acquistarli tutti. Un provvedimento che mette seriamente a rischio la sopravvivenza di una trasmissione popolare come 90° minuto. Un secondo pacchetto permetterà all'acquirente di trasmettere 152 gare in quattro finestre orarie, in particolare le partite delle 15.00 di sabato e domenica, la gara delle 18 di domenica e il " monday night match" del lunedi'.

I pacchetti non sono più costruiti in base alle squadre, ma alle fasce orarie, per cui cui chi acquisterà il primo pacchetto di 114 match, pari a tre gare per giornata, in altrettante finestre orarie: ore 18 del sabato, ore 15 della domenica e ore 20.30 sempre della domenica (15 minuti in anticipo rispetto alle gare serali della scorsa stagione), trasmetterà solo i match disputati in quelle ore. L'ultimo pacchetto dello schema per prodotto consentirà di trasmettere 114 gare corrispondenti a tre partite a giornata: la partita delle 20,30 del sabato, quella delle 12,30 di domenica e una di quelle alle 15,00 sempre di domenica. Poi l'assemblea di Lega, convocata alle 13.30, approverà i pacchetti definitivi con relativo prezzo minimo (finora era stato indicato un valore minimo complessivo di 1.1 miliardi di euro). E certamente, un altro cambiamento epocale, si profila per i gol in chiaro: non potranno essere trasmessi prima delle 22 di domenica. Resterà fermo per il diritto di cronaca durante i telegiornali.

Altre Notizie