Domenica, 24 Giugno, 2018

Di Maio parte dal superamento della Fornero: ecco "quota 100"

Luigi Di Maio durante la Festa della Repubblica Luigi Di Maio: “Pensioni, ‘Quota 100’ per superare la Fornero. Il Jobs act va rivisto” VIDEO
Esposti Saturniano | 06 Giugno, 2018, 22:39

Governo Conte, PENSIONI COSA CAMBIA.

La posizione del Pd sulla questione delle pensioni è esplicitata da Cesare Damiano che individua come il primo problema sarà trovare le coperture per una simile proposta che inoltre - sostiene Damiano - potrebbe non risolvere l'annosa quesitione degli esodati. Anche per quanto riguarda il futuro della riforma Fornero delle pensioni, messa sotto tiro incrociato dai nuovi dioscuri de noantri è arrivato un uomo del Monte a dire sì e ad attribuirsi (ce ne eravamo accorti leggendo le conclusioni del Quinto Rapporto di Itinerari previdenziali) il merito delle proposte che il governo giallo-verde varerà in via prioritaria. Nel contratto si parla anche della necessità di "riordinare il sistema del welfare prevedendo la separazione tra previdenza e assistenza". L'idea è di mandare in pensione chi ha almeno 64 anni con 36 di contributi. "Prorogheremo tale misura sperimentale, utilizzando le risorse disponibili".

Le priorità di questo governo sembrano due: lotta all'immigrazione e abolizione della legge Fornero. Diversi e mirati gli interventi da mettere a punto, con l'obiettivo di superare le disuguaglianze, senza alterare l'architettura dell'attuale disciplina delle pensioni. Da domani inizieranno ad accusare questi ragazzi dicendo che non sanno governare.

"I lavoratori rifanno giustamente i loro conti per la pensione in base a quota cento (età più anni di contributi) prevista dal contratto Lega e M5stelle" afferma in un post su Facebook il presidente della Toscana, Enrico Rossi, componente di Liberi e Uguali. Le novità relative alla quota 100 e alla quota 41 sono ancora nebulose. E' chiaro che abbassando il paletto la percentuale delle anticipate potrebbe salire molto rapidamente. Le variabili sono legate all'età minima 62 anni: con 38 anni di contributi. Nel caso in cui il risultato della somma non corrisponde a una cifra esatta, per calcolare la quota i mesi devono essere trasformati in decimi.

L'accesso alla pensione con quota 100 prevede un requisito anagrafico di 64 anni e almeno 35 anni di contributi. La quota 41 invece permette di andare in pensione se il lavoratore ha versato 41 anni di contributi.

Il nuovo governo ha intenzione di superare la legge Fornero attraverso il raggiungimento della quota 100 per stabilire le pensioni, ecco in cosa consiste il cambiamento. L'età del lavoratore, ai fini del calcolo della quota 41 non rileva. La "quota 100", quindi, non si potrà per esempio raggiungere con 60 anni di età e 40 di contributi.

Prime misure annunciate dal neo ministro per il Lavoro Luigi Di Maio [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, - Ladyblitz clicca qui -Cronaca Oggi, App on Google Play].

Altre Notizie