Mercoledì, 20 Giugno, 2018

Governo Conte, si vota la fiducia alla Camera. LIVE

Giuseppe Conte Giuseppe Conte +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 06 Giugno, 2018, 18:38

Il Governo Conte ottiene al fiducia al Senato: 171 sì e 117 no. Venticinque gli astenuti, tra i quali Fdi.

Il governo Conte alla prova dell'Aula. Domani il premier Conte sarà presente al dibattito e al voto di fiducia alla Camera. Gli obiettivi del governo "sono affidati a delle pagine scritte, perché le forze politiche che compongono la maggioranza li hanno dichiarati in modo trasparente". Dettagli che hanno fatto sorridere più di qualcuno. "La politica deve farsi carico del dramma di queste persone - ha sottolineato - e garantire percorsi di legalità, che costituiscono la stella polare di questo programma di governo". "Non sono spinto da nient'altro che da spirito servizio".

"Il presidente Conte - dichiara in una nota l'esponente del Pd Anna Ascani - ha tenuto nell'aula del Senato un discorso interminabile, un mix di ovvietà e argomenti molto preoccupanti". In un'ora e dieci di parole, il presidente ha avuto modo di spiegare all'opposizione come fare opposizione, ha riposizionato l'Italia nei confronti della Russia, ci ha illustrato come vuole riformare il diritto fallimentare, ma non ha detto neanche una parola su scuola e cultura. Si comincia alle 12, quando il premier è apparso al Senato il suo discorso programmatico che, nel pomerigio, consegnerà alla Camera. Si tratta di un momento decisivo visto che al Senato il "Governo del cambiamento" ha i numeri davvero risicati e con oggi scoprirà le vere vesti dei prossimi mesi di inizio legislatura: il nuovo governo può contare su 167 voti certi, 6 in più rispetto alla maggioranza assoluta, frutto dei 58 senatori Lega e dei 109 M5s, con in più la possibilità di contare sull'astensione di Fratelli d'Italia che farà abbassare il quorum aiutando il Governo Conte. Quindi, 30 voti di scarto rispetto alla maggioranza assoluta di 316.

Quanto guadagna Giuseppe Conte? A questi potrebbero aggiungersi i voti favorevoli di alcuni deputati ex M5S e ad alcuni componenti del gruppo Misto.

Altre Notizie