Martedì, 14 Agosto, 2018

Flat tax, Bagnai: in 2020 per famiglie. Ma Siri smentisce: in 2019

Alberto Bagnai della Lega Alberto Bagnai della Lega +CLICCA PER INGRANDIRE
Esposti Saturniano | 06 Giugno, 2018, 09:07

L'obiettivo è di far partire imprese e famiglie insieme, anche se per le prime il meccanismo è più semplice visto che la flat tax esiste già per le società di capitali e si tratta quindi di estenderla ora anche alle società di persone, alla partite Iva, etc. Tuttavia, fanno notare fonti M5S, superare l'attuale sistema impositivo per le imprese a favore della flat tax comporterebbe l'abolizione dell'Irap e la riduzione dell'aliquota Ires oggi al 24%.

Le dichiarazioni rese da Bagnai hanno scatenato un accesissimo scontro politico con le opposizioni e il Partito Democratico è partito all'attacco, sottolineando che la Flat Tax per le imprese in realtà esiste già da decenni: "È inconcepibile un livello di ignoranza e approssimazione simile". A rivelare la strategia del neo governo su uno dei temi principali indicati nel Contratto per il governo del cambiamento e molto caro alla Lega è l'economista Alberto Bagnai, vicino al Carroccio e possibile sottosegretario al ministero dell'Economia.

Potrebbe esserci una partenza in due tempi per la flat tax.

Polemica sulla Flat Tax.

La flat tax non è ancora entrata in vigore, ma sta già agitando il governo.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Resta da capire se con la nuova flat tax resteranno le deduzioni e detrazioni oppure solo quelle relative ai mutui per la prima casa e agli interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica, in quest'ultimo caso spalmati in 10 anni. L'aliquota Irpef è fissata al 38% sulla soglia eccedente la seconda, ossia si applica il 38% solo per la quota di reddito che supera i 28mila euro, ai quali si applica l'aliquota precedente del 27%.

Nel corso del suo intervento ad Agorà, Bagnai ha anche escluso che il governo possa sfruttare l'aumento dell'Iva per finanziare alcuni degli impegni presi in campagna elettorale. Secondo Bagnai, c'è "accordo sul fatto di far partire la flat tax sui redditi di impresa a partire dall'anno prossimo". Un'ipotesi che si era fatta strada dopo la nomina a ministro dell'Economia di Giovanni Tria, non ostile in passato a questo scenario.

Ma il suo collega di partito Armando Siri lo ha corretto, spiegando che la novità riguarderà anche le famiglie fin dall'anno prossimo, e che nel 2020 "tutto sarà a regime".

".Per le famiglie cominceremo già dal 2019 con dei parametri che andranno a perfezionarsi nel 2020 fino a completarla", ha proseguito Siri, spiegando che la misura si applicherà prima ai nuclei numerosi. Si prevede dunque un inizio parziale per le famiglie e una procedura di completamento che duri un anno?

Il costo complessivo dell'operazione è stato quantificato in 50 miliardi da Siri, consigliere economico del leader leghista Matteo Salvini.

Altre Notizie