Mercoledì, 19 Settembre, 2018

Governo Conte (Lega-M5S): la lista dei ministri

Governo, accordo trovato tra Lega e M5S. Ecco la lista di tutti i ministri Governo, Conte riceve l'incarico e presenta lista ministri. Tria all'Economia, Savona...
Evangelisti Maggiorino | 04 Giugno, 2018, 16:25

Il premier Giuseppe Conte ha ricevuto questa sera l'incarico a formare il governo dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Ecco la lista completa dell'Esecutivo presentata da Giuseppe Conte, classe 1964, nato a Volturara Appula, in provincia di Foggia, professore di Diritto Privato e avvocato a Roma.

Oggi il giuramento del nuovo Governo di Giuseppe Conte dove gli azionisti di maggioranza sono Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Salvini ha inoltre spiegato che in occasione della riunione sull'immigrazione in Lussemburgo, l'italia invierà una delegazione "il documento in discussione invece di aiutare penalizzerebbe ulteriormente l'Italia e i paesi del Mediterraneo facendo gli interessi dei paesi del Nord Europa". Per l'Economia spunta Tria, preside della facoltà di Economia di Tor Vergata, professore che ha lavorato con Renato Brunetta, è "tiepido" sull'Euro e sostiene la Flat tax anche a costo di aumentare l'Iva. L'economista Paolo Savona è stato indicato come ministro delle Politiche europee. Per questo vogliamo rivolgere un sentito augurio a Matteo Salvini. In tutto i ministri sono 18 (tre "tecnici", nove in area Movimento 5 Stelle e sei da parte della Lega), di cui cinque donne. La parte più difficile era la ripartizione dei ministeri di maggior peso.

Alla Farnesina è destinato Enzo Moavero Milanesi, già ministro per gli Affari Europei nel governo Letta e in precedenza in quello di Mario Monti. "E lo faremo", scrive in un post su facebook il ministro in pectore del Lavoro e leader del M5S Luigi Di Maio. Riccardo Fraccaro, fedelissimo di Di Maio, occuperà la casella dei Rapporti con il Parlamento e alla democrazia diretta, mentre Gian Marco Centinaio (Lega) guiderà il nuovo super-ministero che fonde Agricoltura e Turismo.

Erika Stefani, avvocato con lunga carriera politica nelle fila della Lega, andrà agli Affari Regionali e Barbara Lezzi, originaria di Lecce e grillina della prima ora, assumerà il dicastero del Sud. La partita cruciale si giocherà sul fronte delle infrastrutture, tema sul quale M5S e Lega hanno dimostrato in passato di avere idee diverse: "I fondi destinati a tutte le grandi opere che per noi sono inutili possono servire a finanziare il reddito cittadinanza o la revisione del sistema di tassazione", suggerisce De Rosa, che considera positiva la scelta del cremonese Danilo Toninelli a capo del ministero delle Infrastrutture: "Per noi lombardi può essere una buona cosa".

Altre Notizie