Giovedi, 14 Novembre, 2019

Salvini: "Non volevamo far casino ma ridiscutere le regole europee"

I mercati e la finanza pubblica I mercati e la finanza pubblica
Esposti Saturniano | 30 Mag, 2018, 17:47

Salvini chiude definitivamente ad un governo Lega-5 Stelle. Quindi se non si può lavorare bene meglio tornare al voto. "Per quanto riguarda l'impeachment - ha aggiunto - prendo atto che Salvini non lo vuole fare e ne risponderà lui come cuor di leone ma purtroppo non è più sul tavolo perché Salvini non lo vuole fare e ci vuole la maggioranza". Questo è il ragionamento che stava dietro al governo. Negli stessi istanti, il leghista Centinaio affermava che il 'loro' ministro dell'economia rimane Paolo Savona.

Ma sulle alleanze non si sbilancia. Cosa che ha spinto anche Giorgia Meloni a dichiarare che, se necessario, Fratelli d'Italia andrà a rafforzare la maggioranza preesistente, nonostante le critiche iniziali.

"Dal mercato di Pisa - aggiunge Salvini - rivolgo un appello al Presidente della Repubblica". Non so che governo nascerà ma ci hanno impedito di farne uno che rappresenta 17 milioni di italiani. "Hanno usato la cosa dell'euro - ha ribadito - per impaurire le persone". "Rinuncio - ha detto Conte al Quirinale dopo il colloquio col presidente - ma ho profuso il massimo sforzo in un clima di piena collaborazione con gli esponenti delle forze politiche che mi hanno designato". Perché in passato ha criticato dei vincoli e delle regole europee. "Noi siamo a disposizione per una soluzione ragionevole ma coerente con quello che abbiamo fatto finora". Polemiche che, come di consueto, hanno abbracciato anche il web dove i diversi schieramenti stanno dando vita ad un acceso scontro.

Fine delle speranze? Forse no. In riferimento ad alcune ricostruzioni apparse sulla stampa, in ambienti vicini al presidente del consiglio incaricato Cottarelli si fa osservare: "Durante l'attività del Presidente del Consiglio incaricato per la formazione del nuovo Governo sono emerse nuove possibilità per la nascita di un Governo politico. Questa circostanza, anche di fronte alle tensioni sui mercati, lo ha indotto - d'intesa con il Presidente della Repubblica - ad attendere gli eventuali sviluppi". "Se lo merita tutto".

"Come segretario della Lega chiedo ai presidenti di Camera e Senato di insediare le Commissioni". Ora la riapertura di dialogo tra M5s e Quirinale potrebbe riaprire una strada, seppur strettissima, verso un governo politico. "Giorgetti premier? Ipotesi fantasiosa". Però, come fosse un caso, dall'altra parte, quella puramente politica che nei giorni scorsi ha silurato fuoco e fiamme, i toni si smorzano improvvisamente. Ma riconosce che "oggi, ovviamente, tutto è saltato". Nel frattempo vediamo quante volte Di Maio e Salvini cambieranno idea stamattina. "Sono una piccola fetta di una istituzione dello Stato, ma protesto perchè mi sento di rappresentare gli italiani".

Il Movimento comunque non si arrende. I partiti maggiori chiedono il voto e solo il Pd dice di no? Lo dice il deputato M5S Stefano Buffagni arrivando a Montecitorio. La speculazione di queste ore fa paura. "Tutte cose che ci hanno chiesto gli italiani".

Altre Notizie