Giovedi, 20 Giugno, 2019

Napoli, De Laurentiis riattacca la Juve: Si tolga i due scudetti

Napoli, De Laurentiis: Napoli, è arrivato il primo colpo per Carlo Ancelotti
Cacciopini Corbiniano | 29 Mag, 2018, 16:41

"Per uno che può partire ce ne sono quattro che possono arrivare". Due anni fa mi offrirono 58 milioni dal Chelsea per Koulibaly, ma mi dissi: che ci faccio con 58 milioni? "Sono forti ed erano già forti". "Se è un esperimento dobbiamo discuterne tutti apertamente, perché lasciare sempre il punto interogativo, il malcostume della dietrologia, 'ah ma allora la Juventus ha sempre un rapporto di forza con la classe arbitrale da sempre, da quando siamo andati a Pechino dove gli arbitri si comportarono malissimo col Napoli.' La classe arbitrale con Calciopoli ha avuto un momento che vogliamo dimenticare, ma ce l'ha avuto". Nel calcio, per un problema anagrafico, si è sempre vissuto sul compromesso di ignorare le cose che accadevano. Mi chiedi più soldi e mettiamo la clausola, allora la clausola vale se l'hai inserita. "Da napoletano non è mai facile giocare nel Napoli e lui al Napoli ci tiene molto". L'addio di Sarri? L'ho detto dopo il Crotone.

"Non posso stare a disposizione degli altri, quando gli altri dovrebbero essere a disposizione del club". Non si discute il marchio Ancelotti. "Ho portato con me un architetto fidato per disegnare il futuro, abbiamo ragionato con lo staff medico e persino con il cuoco per lavorare al meglio il prossimo anno", ha continuato De Laurentiis.

Con Ancelotti abbiamo iniziato a collaborare, a Roma e ora dal Canada, ci siamo sentiti spesso in passato e l'ho visto sempre come un uomo imparziale. "Poi valuteremo con l'allenatore cosa fare", ha confessato il presidente azzurro. "Non userà il Napoli per poi andare da qualche altra parte".

Altre Notizie