Giovedi, 21 Giugno, 2018

Giro d'Italia, impresa epica di Froome: fuga, vittoria e maglia rosa

Thibaut Pinot vomita al traguardo e viene ricoverato in ospedale il francese si ritira Impresa Froome: fuga e maglia rosa
Cacciopini Corbiniano | 26 Mag, 2018, 12:30

Chris Froome va in fuga con un'azione d'antan di circa 83 chilometri e si cuce addosso la maglia rosa cancellando, pedalata dopo pedalata, i tormenti, i dubbi, le incertezze e i brutti presagi dei giorni scorsi, quando finì violentemente sull'asfalto a Gerusalemme (ricognizione della crono) e sulla salita di Montervergine, in Irpinia.

Fabio Aru si ritira dal Giro d'Italia. Ieri, però nuove difficoltà nell'ascesa a Prato Nevoso, sintomo di una condizione che non c'era e non voleva arrivare.

Complicata la situazione di Domenico Pozzovivo della Bahrein Merida che con un ritardo di oltre due minuti da Froome è giù dal podio. Arrivo in salita sul traguardo di Cervinia, in tutto 214 chilometri con tre salite di prima categoria concentrate negli ultimi 90, per un totale di 4000 metri di dislivello. Proprio lui, che può vantare un importante passato nella mountain bike, ha deciso di attaccare sullo sterrato, là dove altri corridori potrebbero entrare in crisi. Froome, con un allungo all'ultimo chilometro, ha sorpreso il connazionale Yates e ha trovato lungo la strada il suo fedele gregario che, in quella circostanza, aveva il compito di tirare il più possibile per aumentare il distacco dal principale avversario del capitano. Inoltre, mai come adesso un uomo del Team Sky è stato così vicino all'impresa di aggiudicarsi la corsa rosa, dopo i tentativi velleitari - falliti per sfortuna o per superficialità - dai vari Wiggins, Landa, Thomas, Porte. Il britannico del Team Sky, vincitore di quattro Tour de France e una Vuelta, ha dominato la 19.ma tappa del Giro, da Venaria Reale a Bardonecchia (185 km), conquistando anche la maglia rosa per la prima volta in carriera.

Altre Notizie