Mercoledì, 21 Agosto, 2019

Giornata internazionale contro omofobia Comune di Cremona aderisce

Siracusa Stonewall Glbt contro l'omofobia la Bifobia e la Transfobia Angri, insorge Arcigay: "No alla manifestazione omofoba sostenuta dal Comune"
Evangelisti Maggiorino | 17 Mag, 2018, 12:48

Ideata da Louis-Georges Tin, curatore del Dictionnaire de l'homophobie, il 17 maggio 2004, cioè a 14 anni esatti dalla rimozione dell'omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale pubblicata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, la Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la trans fobia è stata istituita ufficialmente dall'Unione europea nel 2007. Un altro dato che emerge è anche l'età sempre più giovane degli aggressori e ricattatori che in diversi casi sono anche minori.

Una bella sorpresa per l'associazione è stata l'iniziativa promossa dal Comune di Porcia per il 17 maggio di illuminare all'imbrunire Villa Correr Dolfin dei colori rainbow, ragione per cui ci sarà un incontro alle 19.30 di fronte alla Villa per festeggiare questo gesto di impegno contro la discriminazione e supporto dei cittadini LGBTI+.

Giornata internazionale contro omofobia: il Comune di Cremona si schiera a favore dei diritti. Un evento concordato insieme per creare nel nostro territorio un clima di maggiore accoglienza e integrazione. Il cuore, simbolo universale dell'amore, si animerà e vivrà di parole, frasi, opinioni sull'omosessualità, la transessualità e la bisessualità che chiunque potrà lasciare, i contributi saranno letti al piazzale del Caos proprio giovedì, quando si esibirà il coro Stranivari con canti dedicati alla tematica della giornata. I diritti devono essere uguali per tutti non esistono diritti più o meno importanti, questi devono essere garantiti a tutti e tutti in egual misura. "A Capannori - conclude Miccichè - già dallo scorso anno abbiamo aperto lo sportello Lgbt che ha riscosso un grande successo e che ancora oggi sta lavorando bene".

Lunedì prossimo (21 maggio), arriva a Lucca Monica Cirinnà, che ha legato il suo nome alla Legge per l'istituzione delle Unioni civili.

Gli atti di "bullismo omofobico" iniziano soprattutto in età adolescenziale e i bersagli principali sono adolescenti che apertamente si definiscono lesbiche, gay o transessuali, ma, anche solo adolescenti che "sembrano" omosessuali in base a una percezione atipica degli atteggiamenti manifesti o dello stile, oppure con fratelli, sorelle, genitori omosessuali, o che frequentano amici apertamente omosessuali, oppure semplicemente adolescenti che hanno idee favorevoli alla tutela dei diritti degli omosessuali. L'iniziativa è aperta all'adesione e alla partecipazione delle associazioni, che avranno a disposizione uno spazio per i loro stand.

Altre Notizie