Sabato, 21 Luglio, 2018

Juventus, Allegri: "Vincere è bellissimo. Resto? Non sono lucido per rispondere"

Roma-Juventus 0-0, trionfo bianconero: è il settimo scudetto di fila Allegri: «Giusto che festeggino i ragazzi. Sul futuro…»
Evangelisti Maggiorino | 14 Mag, 2018, 01:09

Con una squadra del genere, con questi uomini e questi giocatori è più facile arrivare all'obiettivo anche se vincere non è mai semplice.

Dove si trovano le motivazioni per fare sempre meglio? "Abbiamo fatto stagioni straordinarie dimostrando di aver dominato in Italia e di aver fatto grandi cose anche in Europa nonostante le due finali di Champions League perse".

Tra la pioggia, l'orario e la consuetudine agli scudetti, non si prevedono particolari caroselli questa sera dei tifosi juventini in giro per la città o in centro zona piazza San Carlo. "Abbiamo sempre mantenuto la calma".

Quella contro il Verona sarà l'ultima partita di Buffon?

Qual è stato il merito più grande? Grazie allo 0-0 con la Roma, e nonostante lo 0-2 di Sampdoria-Napoli, la squadra di Allegri si è laureata campione d'Italia per la settima volta di fila.

Non sono ancora lucido per rispondere bene, ma alla Juventus come riparti le motivazioni le trovi. In questo gruppo c'è chi ne ha vinti 7 e meriteranno la passerella sabato prossimo. Il lavoro psicologico e' fondamentale per evitare i troppi sbalzi d'umore con i quali non vinci niente. "Preferisco non parlare di voti, già a scuola facevo fatica..." Douglas Costa? È un giocatore che spacca in due le partite, oggi mi ha fatto arrabbiare perché sembrava al circo ma è un giocatore straordinario.

Non lo so, lo deciderà lui. Questa settimana non ci alleniamo ma aspettiamo solo di poter festeggiare poi con i nostri tifosi. Contento per lui. Non mi do un voto. Su questo sono fermamente convinto, il calcio è cambiato quando è stato tolto il retropassaggio il portiere. "Ed i giocatori sono stati veramente bravi a portare la palla nell'area di un'Inter che aveva fatto venti minuti straordinari".

"La Juventus non è abituata a cedere giocatori, ad oggi non ci sono i presupporti per farli andare da un'altra parte: non sono sul mercato".

Altre Notizie