Sabato, 21 Luglio, 2018

Iva al 24,2% significherà 242 euro di tasse in più a famiglia

Con l'aumento dell'Iva ogni famiglia pagherà 242 in più nel 2019 Se- come previsto- ci sarà l'aumento dell’Iva nel 2019 ogni famiglia italiana subirà
Esposti Saturniano | 13 Mag, 2018, 11:35

L'ALLARMEVENEZIA Se il prossimo esecutivo non riuscirà a sterilizzare l'aumento dell'Iva, ogni famiglia italiana subirà nel 2019 un incremento medio di imposta pari a 242 euro.

234 euro nel Centro e di 199 euro nel Mezzogiorno. Infatti, se entro il 2018 non verranno trovati 12,4 miliardi, l'aliquota ordinaria passerà dal 22 al. Tra i principali Paesi Eu siamo quello in cui è cresciuta di più: 10 punti, un record, che nessuno ci invidia. "Tuttavia, se l'aumento previsto non sarà ulteriormente spostato in avanti, dal 2019 i consumatori saranno sottoposti all'aliquota Iva ordinaria più alta in Ue, con un serio rischio che l'economia sommersa assuma dimensioni ancor più preoccupanti". Secondo Zabeo, coordinatore dell'Ufficio studi, l'aumento dell'Iva va evitato, soprattutto perché "avrebbe un effetto recessivo" sull'economia. Seguono la Germania, con una variazione di +8 punti (era all'11% ed ora è al 19), l'Olanda, con un aumento di 5 punti (dal 16 al 21%), l'Austria e il Belgio, con degli aumenti registrati nel periodo preso in esame rispettivamente di 4 e 3 punti. Ricordo che il 60% del Pil nazionale è riconducibile ai consumi delle famiglie. Lo stima l'Ufficio studi della Cgia. "Se l'Iva dovesse salire ai livelli record previsti, per le botteghe artigiane e i piccoli commercianti sarebbe un danno enorme, visto che la stragrande maggioranza dei rispettivi fatturati è attribuibile alla domanda interna".

Sembra siano stati anche elencati i beni e servizi interessati da questo eventuale aumento dell'IVA dalle 10 al 11,5% e tra questi citiamo la carne, il pesce, il cacao, spezie, prodotti di pasticceria e biscotteria, salse e condimenti, Preparati per zuppe, energia elettrica, gas metano per uso domestico a prestazioni alberghiere, ristrutturazioni edilizie, piante e fiori, somministrazione alimenti e bevande, spettacoli teatrali.

Altre Notizie