Domenica, 16 Giugno, 2019

Torino-Spal. Per Mazzarri sarà una partita insidiosa

Torino la stagione non ha più obiettivi contro la SPAL la vittoria come un palliativo Spal, Kurtic: “La salvezza qui è più importante dell'Europa conquistata con l'Atalanta. Dopo il pari con la Juve…”
Cacciopini Corbiniano | 12 Mag, 2018, 23:03

"La Spal finora ha giocato sempre a cinque, ma anche contro altre squadre che giocavano così quest'anno siamo riusciti a trovare spazi". Proviamo a prendere sei punti, perché noi siamo il Toro; poi, a quel punto, ci concentreremo sul futuro".Un futuro che ruoterà attorno al "casting" che Mazzarri ha fatto nel girone di ritorno per capire chi è da Toro e chi no: "Ormai per la prossima stagione ho le idee chiare - commenta il tecnico toscano -. La strada è una sola e serve continuità: "già con la Spal spero che i giocatori capiscano l'insidia, per questo ho chiesto di scendere in campo come se affrontassimo una delle prime della classe".

"Il destino è nelle nostre mani". La gara conta più per i ferraresi che per i granata, visto che la squadra di Semplici si gioca la permanenza in A, ma Walter Mazzarri vuole vedere in campo un undici motivato e determinato, proprio come al San Paolo contro il Napoli.

Si aspettava di chiudere questa stagione in modo diverso? Abbiamo rimontato due volte e nel finale mi è sembrato addirittura che la squadra stesse cercando di vincerla. Per l'anno prossimo vorrei inserire il maggior numero possibile di Primavera in prima squadra perché penso che i giovani siano una risorsa importante. Ci siamo guardati dentro, abbiamo parlato tra di noi nello spogliatoio: "quella partita ci aveva dato la dimostrazione che avremmo potuto giocarcela con tutti". "Se vogliamo competere con le grandi dobbiamo ancora attingere dal vivaio". Andrea ha passato un anno particolare. I numeri è giusto che si ricordino per valutare la carriera di un allenatore. Esultare dopo il gol è stata anche una liberazione per me, sono due anni che quando sto andando bene mi fermo, ho abbracciato i fisioterapisti, mi avevano detto che l'avrei risolta io.

Altre Notizie