Venerdì, 19 Ottobre, 2018

Omeopatia bocciata dall'Ordine dei Medici: "È solo un placebo"

L'Ordine dei Medici contro l'omeopatia. “Non ha basi scientifiche, è un placebo” Omeopatia, per i medici: “Si tratta solo di effetto placebo”
Machelli Zaccheo | 08 Mag, 2018, 17:08

Inventata nell'Ottocento da un medico tedesco Samuel Hahnemann, è stata da sempre al centro dell'interesse e delle polemiche delle persone comuni, ma anche dei media e degli stessi medici.

Non fanno attendere la loro risposta e in un comunicato congiunto di 9 Associazioni di Omeopatia manifestano un "assoluto dissenso" all'iniziativa della FNOMCeO e parlano di un vero e proprio attacco scagliato nei giorni in cui viene pubblicato online un database (questo il link oggi però non raggiungibile) che raccoglie più di 1.000 studi scientifici sull'efficacia dell'omeopatia, presentato al Presidente FNOMCeO e all'Esecutivo della Federazione a Roma il 3 maggio scorso, per un incontro a margine del quale la FNOMCeO con un proprio comunicato stampa aveva dichiarato di "voler chiedere rispetto per tutti i medici, e di sostenere le Società scientifiche di Omeopatia nel chiedere all'Istituto Superiore di Sanità di aprire un tavolo di confronto per una revisione della letteratura scientifica e delle evidenze disponibili in materia".

L'omeopatia non ha alcuna base scientifica e gli effetti riportati da chi la usa sono con buona probabilità dovuti all'effetto placebo. D'altra parte, tuttavia, non mancano pubblicazioni e vari studi a sostegno delle cure omeopatiche ma a questo riguardo l'Ordine dei Medici sostiene la non esistenza di prove scientifiche concrete né tanto meno di una qualsiasi plausibilità biologica a sostegno della fondatezza delle teorie omeopatiche. Gli unici risultati positivi ed effetti benefici, sarebbero da attribuire all'effetto placebo di questi: questa è la tesi supportata dal Fnomceo, che specifica che l'omeopatia è ricompresa nelle medicine non convenzionali.

Di Grazia, che cura anche il sito Medbunker, precisa che "l'effetto placebo è conosciuto da tempo, ha una base neurofisiologica nota e funziona anche su animali e bambini, ma il suo uso in terapia è eticamente discutibile e oggetto di dibattito".

Proprio l'effetto placebo spiegherebbe il perché della guarigione di alcuni pazienti sottoposti a medicinali omeopatici: "questi potrebbero essere facilmente spiegabili con l'effetto placebo, con il normale decorso della malattia o con l'aspettativa del paziente". D'altronde, per legge, un prodotto per essere venduto come omeopatico non deve contenere più di un centesimo della più piccola dose utilizzata nelle medicine prescrivibili, e quindi, per legge, non può essere venduto un prodotto che contenga un dosaggio di principio attivo farmacologicamente efficace. Nel documento si spiega anche perché sono proprio i medici a prescrivere i farmaci omeopatici. Lo afferma una nuova scheda pubblicata dal sito dottoremaeveroche.it, l'iniziativa contro le bufale della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo).

Altre Notizie