Sabato, 15 Giugno, 2019

Cronaca. Fatture false ed evasione: sequestrati beni per 362.000 euro a Ragusa

Guardia di Finanza di Parma. 7 persone arrestate tra imprenditori e professionisti Guardia di Finanza: in Val d'Agri denunciato l'amministratore di una società che ha evaso le imposte per oltre 1 milione
Machelli Zaccheo | 18 Aprile, 2018, 10:23

In carcere è finito un imprenditore di origini campane, titolare di un'azienda di Fidenza operante nel settore della impiantistica industriale.

I Finanzieri della Tenenza di Viggiano, a seguito di un'elaborata attività di polizia economico-finanziaria che ha consentito di accertare, fra altro, ricavi sottratti a tassazione per oltre tre milioni di euro, hanno segnalato all'Autorità Giudiziaria l'amministratore di una società di capitali a responsabilità limitata per varie violazioni in materia di reati fiscali. Questi crediti, fittizi e non spettanti, venivano successivamente utilizzati per compensare i debiti tributari e, conseguentemente, non versare le altre imposte dovute all'Amministrazione Finanziaria (quali ritenute alla fonte, IVA e imposte sui redditi).

I dipendenti, peraltro, a loro insaputa, erano stati anche sottoposti a licenziamento collettivo e collocati in mobilità, per poi essere immediatamente riassunti da un'altra società riconducibile alle stesso imprenditore: in questo modo, grazie alla consulenza dei professionisti compiacenti, l'imprenditore ha potuto accedere alle agevolazioni previste per l'assunzione di lavoratori in mobilità, pagando meno di un quinto dei contributi previdenziali effettivamente dovuti. E infine usura. Nel corso delle indagini gli inquirenti hanno infatti accertato un episodio di usura nei confronti di un imprenditore del parmense, che aveva chiesto 10mila euro perché rimasto senza soldi.

Oltre alle ordinanze di custodia cautelare, il gip ha disposto il sequestro preventivo di beni mobili, immobili, quote societarie e disponibilità liquide di tutte le società coinvolte, per un totale di 2,3 milioni di euro.

Il provvedimento cautelare, promosso dalla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania. In tale ambito, l'azione di servizio della Guardia di Finanza, attraverso una mirata e preordinata selezione dei contribuenti da sottoporre a controllo, si propone di prevenire e reprimere i fenomeni di criminalità economica che destano maggiore allarme sociale.

Altre Notizie