Mercoledì, 23 Ottobre, 2019

Elezioni, Mattarella: tocca a presidente Senato Casellati

Handout.  Reuters Handout. Reuters
Evangelisti Maggiorino | 18 Aprile, 2018, 06:38

Il reddito di cittadinanza e la flat tax da soli o combinati, in una ipotetica maggioranza M5S e Lega, non sono sostenibili in questo contesto di finanza pubblica, anche ammesso che possano dimostrarsi validi moltiplicatori del PIL (lo si scoprirebbe solo a posteriori), mentre la geografia dei consensi mostra chiaramente che il meridione chiede l'uno ed il nord l'altra, in una strana commistione di assistenzialismo vetero DC e di super liberismo in salsa reaganiana. Il passo dalla propaganda elettorale alla responsabilità politica delle scelte che spettano a un Governo sembra essere tanto difficile e faticoso che i protagonisti si cercano ruoli da improbabili comprimari e si danno alla melina. Come riportato da La Repubblica, il leghista ha voluto subito tracciare una distinzione tra sé e il candidato premier pentastellato:"Se ci fosse qualcuno in gamba che sottoscrive un programma che condivido, perché non accettarlo? Vogliamo un esecutivo che rispetti il voto degli italiani, ma se M5S e Forza Italia continuano a dirsi di no reciprocamente non è colpa nostra". Rispetto all'ipotesi che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella decida di affidare un mandato esplorativo alla Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, Salvini si mostra favorevole:"Può fare un buon lavoro", dice.

Nel frattempo, la finestra temporale che il Capo dello Stato aveva concesso ai partiti per raggiungere un accordo, dovrebbe presumibilmente chiudersi nella giornata di domani, 45 giorni dopo l'election day. "Io a differenza di Di Maio non sono qua a dire o governo io o non si fa niente". "Penso che l'unico razzismo sia quello della sinistra che sfrutta l'immigrazione per avere nuovi poveri e nuovi schiavi da sfruttare nelle aziende", ha detto Salvini. Ma le stoccate al Movimento 5 Stelle non sono ancora finite. Speriamo che serva - afferma dal Molise -.

Ma è inutile negarlo, le tensioni montano anche all'interno dello stesso schieramento di centrodestra. Il Pd però si è affrettato a chiarire che l'iniziativa del segretario non va letta come una mano tesa ad un'alleanza di governo con i 5Stelle, ma come una semplice "ripetizione dle programma del Pd". "Da tempo - sottolinea - adotto il consiglio di mia madre: "Matteo non arrabbiarti, sorridi e tira dritto".

Altre Notizie