Lunedi, 23 Aprile, 2018

Siria, Gentiloni riferisce alle Camere. Smentito un secondo attacco

Damasco è ogni giorno più forte Scambio di accuse sulla Siria
Evangelisti Maggiorino | 17 Aprile, 2018, 10:06

Secondo quanto riferito dalla TV di Stato nella notte sarebbero stati lanciati dei nuovi missili dalla base militare che si trova nella periferia di Sharyat.

La difesa aerea, riferisce la Dpa citando le fonti, sarebbe sì stata attivata, ma si sarebbe trattato di un falso allarme. "E' un aggressione", ha commentato l'emittente siriana segnalando l'entrata in funzione della contraerea e annunciando di aver abbattuto dei missili. Il Pentagono tuttavia si è subito smarcato, spiegando di non aver ordinato nessun nuovo bombardamento. Il sospetto è che gli aerei arrivassero da Israele.

Gli esperti dell'Opac arriveranno a Duma domani per indagare sul presunto attacco con armi chimiche alla base del raid in Siria compiuto lo scorso fine settimana da Stati uniti, Francia e Gran Bretagna.

"Non abbiamo in alcun modo manomesso il sito e non intendiamo in alcun modo ostacolare le indagini", ha replicato il ministro degli esteri russi, Sergei Lavrov, motivando il ritardo dell'ispezione con la mancata approvazione della missione da parte dell'ONU.

Altre Notizie