Lunedi, 16 Luglio, 2018

A sorpresa vince Ricciardo il GP di Cina

Sebastian Vettel qualifiche ufficiali Gp Cina- Reuters F1, mercato piloti: Ricciardo alla Ferrari con Bottas alla Red Bull
Cacciopini Corbiniano | 15 Aprile, 2018, 11:36

Anche lui sulla stessa strategia di Ricciardo, prima sbaglia su Hamilton, poi centra in pieno Vettel che finisce in testacoda. Verstappen ha provato a superare Hamilton che lo ha fatto uscire di pista e perdere una posizione a favore di Ricciardo.

Attenzione alla variabile impazzita Verstappen che nel 2019 non si muoverà dalla Red Bull. In caso di mancata competitività della vettura nel 2020, l'olandese potrebbe cambiare squadra alimentando ulteriormente un mercato dei piloti sempre prodigo di novità e appassionante per i tifosi. Il finlandese è stato costretto ad alzare il piede perdendo una posizione per mano di Bottas.

Discutibile pure, la scelta di ritardare il pit stop di Raikkonen. Vettel davanti guadagna costantemente su Bottas, Verstappen tiene un buon ritmo nonostante le gomme viola.

L'australiano Daniel Ricciardo, su Red Bull, ha vinto il Gp della Cina, terza prova del Mondiale 2018 di Formula 1. La Ferrari ha staccato una Mercedes (nella foto Hamilton) che sembra non perfettamente a punto. Benino Raikkonen sul podio anche se in alcune fasi della gara non ha graffiato tenendo un ritmo meno intenso di quello del compagno di squadra. Nel finale il forcing per raggiungere Bottas, ma il derby finnico se l'è aggiudicato il portacolori Mercedes (gara ottima, la sua centesima). Vettel tira i remi in barca, evidentemente l'auto è rimasta danneggiata dal contatto. Rientra anche Hamilton, in difficoltà: gomma bianca per tentare di arrivare sino alla fine. Da qui Daniel si inventa sorpassi incredibili e trionfa davanti a Bottas e Raikkonen. "La penalità di 10", grazie al "precedente" di Gasly qualche giro prima, che l'ha relegato in quinta posizione è fin troppo morbida visto i precedenti. Al giro 18 via ai primi pit stop: dentro le due Red Bull, insieme, una dietro l'altra. Disastro per Vettel, che viene passato anche da Raikkonen, Hamilton e Hulkenberg. La Red Bull coglie al volo l'occasione, cambia le gomme e spariglia la gara. La Ferrari sembra più veloce sul ritmo di gara con le gialle soft al contrario di quanto si poteva pensare. Raikkonen è infatti vicino al ritiro e la Rossa ha bisogna di una guida esperta che possa affiancare il fuoriclasse tedesco. Sul podio anche Kimi Raikkonen su Ferrari. "Non pensavo ce la potessimo fare e non credevo che sarei riuscito a fare un giro, ma poi mi hanno comunicato che la macchina era pronta ed ero molto eccitato". Alonso lo passa con un po' di cattiveria a due giri dal termine.

Altre Notizie