Domenica, 21 Luglio, 2019

Italia dice no a raid in Siria

Esercitazioni militari Usa Esercitazioni militari Usa
Evangelisti Maggiorino | 13 Aprile, 2018, 20:35

Anche Angela Merkel esclude una partecipazione tedesca: lo ha detto in conferenza stampa con il premier danese. Lo si apprende da fonti di palazzo Chigi. Lì dove le uniche armi chimiche usate, sono e saranno quelle fuoriuscite dalle bocche di chi alimenta tali nefandezze mediatiche.

Sanzioni, attacco simbolico, operazioni militare su larga scala. In base agli accordi internazionali e bilaterali vigenti, l'Italia continuera' a fornire supporto logistico alle attivita' delle forze alleate, contribuendo a garantirne la sicurezza e la protezione. Segnalazioni di uomini e donne dello spettacolo, nomi a tutti noti: gente che, con buone probabilità, nemmeno saprebbe dove collocare la Siria, se posta dinanzi a una cartina geografica.

A esprimere la posizione di Mosca e' stata Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri. Intanto la premier inglese, Theresa May, ha ordinato ai sottomarini britannici di avvicinarsi in modo da avere a portata gli obiettivi siriani. Il presidente francese non ha dubbi: "Abbiamo la prova che la settimana scorsa sono state utilizzate armi chimiche in Siria da parte del regime", ha dichiarato nell'intervista rilasciata a TF1. Quanto ai tempi di un eventuale intervento, il capo dell'Eliseo si è limitato ad affermare: "Ci sono decisioni che prenderemo quando lo riterremo più utile ed efficace". Un riferimento, quest'ultimo, all'area del nord dell'Iraq da cui miliziani dell'organizzazione terroristica curda Pkk si sarebbero trasferiti negli ultimi anni nella stessa Afrin assumendo ruoli di comando nel Pyd-Ypg, che del Pkk rappresenta l'ala siriana. Certo è che il presidente Usa Donald Trump non sembra aver voglia di abbassare i toni: "Non ho mai detto quando avremmo attaccato - ha scritto in un recento tweet - Potrebbe essere molto presto o non così presto! Se i russi anziché tenere un approccio conservativo come hanno fatto nel 2017 decidessero di supportare attivamente la difesa siriana i Tomahawk in arrivo potrebbero essere visti prima e abbattuti, segnando l'entrata in campo della Russia". In ciascuna occasione, gli Stati Uniti, sotto la mia amministrazione, hanno fatto un grande lavoro per liberare la regione dell'Isis. A comunicarlo è stato il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert. Il canale di comunicazione, sospeso in passato in piu' occasioni, avrebbe l'obiettivo di scongiurare incidenti militari sia sul terreno che nei cieli.

Passare dal Parlamento o dare il via alla missione di rappresaglia contro l'utilizzo di armi chimiche in Siriasenza sentire il parere dei parlamentari? Ora le truppe di Mosca contano almeno 48mila militari, è attiva una base aerea nel porto di Tartus e secondo gli analisti è presente anche un "esercito ombra" di mercenari russi di circa 3mila unità.

Il segretario generale Antonio Guterres ha chiamato gli ambasciatori dei cinque Paesi membri permanenti del Consiglio di sicurezza (Usa, Russia, Cina, Regno Unito e Francia) ribadendo la sua profonda preoccupazione per i rischi dell'attuale impasse in Siria.

Altre Notizie