Domenica, 16 Dicembre, 2018

"Raccoglie i dati dei bambini" — YouTube sotto accusa

Le associazioni dei consumatori denunciano Youtube: Ancora guai per Facebook. Ma ora trema anche Toutube
Acerboni Ferdinando | 10 Aprile, 2018, 18:01

Per questo 23 studi legali e associazioni di difesa dei consumatori hanno presentato un reclamo alla Federal Trade Commission, l'Antitrust statunitense, contro il social dei video in quanto violerebbe "la legge sulla privacy dei minori".

Secondo Katie McInnis, consulente politico per l'Unione dei consumatori, "Google sa che i bambini guardano contenuti su YouTube ma sembra che la società non ottenga il consenso dei genitori prima di raccogliere informazioni estremamente sensibili su di loro". Questa volta a finire nei guai per la mala gestione dei dati personali dei propri utenti è YouTube.

"Google in sostanza ha tratto profitto nel conservare dati dei bambini su YouTube". Al centro della contesa c'è il mancato rispetto del Children's Online Privacy Protection Act, la legge federale che disciplina la raccolta di dati personali sui minori di 13 anni. Si tratta di materiale costruito con l'obiettivo di ingannare gli utenti: un video di Spider-Man che urina su Elsa di Frozen, o un altro con Topolino investito da una macchina, è anticipato da immagini d'anteprima coloratissime, descrizioni children-friendly - "questo video è stato creato con l'obiettivo di far imparare qualcosa ai bambini!" - e pubblicato su canali con nomi come Kids Channel TV e Super Moon TV.

Secondo i termini di servizio di YouTube, la piattaforma non è accessibile ai minori di 13 anni ma i ragazzini possono guardare i video sulla piattaforma semplicemente grazie ai genitori o mentendo sulla loro età. Criticano le sussidiarie di Alphabet per aver raccolto consapevolmente dati su minori per scopi pubblicitari.

E Jeff Chester conclude: "Proprio come Facebook, Google ha concentrato le sue enormi risorse per generare profitti piuttosto che proteggere la privacy".

Secondo una ricerca condotta da Trendera, il 45% dei bambini tra gli 8 e i 12 anni ha un account YouTube. "Adesso la Silicon Valley ha la responsabilità di capire come adattare la tecnologia ai minori", ha detto Dylan Collins di SuperAwesome, un'azienda che si occupa di marketing diretto ai bambini e che ha firmato la denuncia. "È tempo che la FTC ritenga Google responsabile per la raccolta illegale di dati e le pratiche pubblicitarie".

La risposta di YouTube, affidata a un comunicato diffuso via mail, è piuttosto vaga: "Leggeremo la lettera con attenzione e stabiliremo se ci sono margini per migliorare il nostro servizio".

Qualche anno fa la piattaforma ha lanciato YouTube Kids, una versione destinata ai bambini dove è possibile trovare contenuti pensati appositamente per i più piccoli.

Altre Notizie