Martedì, 24 Aprile, 2018

Di Maio: "Ho sentito Salvini, la Camera spetta al M5S"

Matteo Salvini Matteo Salvini +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 18 Marzo, 2018, 21:15

Come vi ho raccontato anche ieri con un lungo post, le cariche istituzionali sono molto importanti perché dalla loro qualità e affidabilità dipende anche la qualità del lavoro legislativo che poi impatta direttamente sulle vite di tutti i cittadini. Tra stasera e domani (domenica, ndr) "sentirò per telefono i principali esponenti di tutti i futuri gruppi parlamentari: Salvini, Brunetta, Meloni, Martina e Grasso - conclude Di Maio -Voglio parlare loro con franchezza, chiarezza e onestà". Negli scorsi giorni sono partite le trattative tra le varie forze politiche e da subito è stata chiara la richiesta del MoVimento 5 Stelle: ottenere la presidenza della Camera.

Il candidato premier Cinquestelle, al momento, pone una sola condizione: "considereremo inaccettabili le proposte di candidati condannati o sotto processo. È importante dialogare con tutti per individuare personalità di garanzia".

Alla domanda di una giornalista americana dell'agenzia Associated Press su un eventuale governo con i 5 Stelle, Matteo Salvini ha risposto: "Non ho smania di governare, ma voglio mantener fede a quello che mi hanno chiesto gli elettori e sarei contento di passare dalle parole ai fatti".

"Abbiamo ribadito alle forze politiche" che la nomina dei presidenti di Camera e Senato "a differenza degli ultimi 20 anni" va slegata "dal governo", pensando a nomi "che non fossero organici del nuovo governo ma, a garanzia dell'istituzione parlamentare, che fossero rappresentativi della volontà popolare", che "ha indicato con il 32% dei voti nel M5S la prima forza politica del Paese e col 36% dei seggi in Parlamento la prima forza politica della Camera dei deputati", ha detto ancora la capogruppo M5S parlando alle telecamere in sala stampa alla Camera. "Stiamo facendo tutto in assoluta trasparenza: questa è una importante novità per le dinamiche della politica italiana". "Ci aspettiamo dagli altri la stessa sensibilità". Confido in una risposta positiva da parte di tutte le forze politiche che continueranno ad avere come interlocutori i nostri capigruppo: "Danilo Toninelli e Giulia Grillo".

"Stiamo parlando della seconda e della terza carica dello Stato, e soprattutto stiamo parlando degli arbitri che dovranno dirigere la partita dell'approvazione di buone leggi", continua il capo politico di M5S.

Altre Notizie