Lunedi, 18 Giugno, 2018

Addio a Luigi Necco: morto volto storico del giornalismo sportivo

La causa della morte avvenuta alle 6.30 del 13 marzo è legata all'aggravarsi di una patologia polmonare La causa della morte avvenuta alle 6.30 del 13 marzo è legata all'aggravarsi di una patologia polmonare
Cacciopini Corbiniano | 13 Marzo, 2018, 10:56

Gesto che fece molto scalpore e Necco raccontò l'episodio in alcune trasmissioni televisive.

È morto all'ospedale Cardarelli di Napoli, Luigi Necco, il giornalista napoletano nonché volto storico del programma 90° minuto negli anni degli scudetti del Napoli di Maradona. A maggio avrebbe compiuto 84 anni. E' morto a causa di una grave insufficienza respiratoria.

Lutto nel mondo del giornalismo.

Nella memoria dei tifosi anche l'intervista a Maradona durante i Mondiali di Calcio in Messico del 1986 sulla "mano de dios". Era il cronista del Napoli, fisso allo stadio San Paolo ogni qual volta gli azzurri giocavano i match casalinghi, e fu lui a coniare l'espressione "Milano chiama, Napoli risponde", quando entrava in collegamento per la diretta. La colpa del giornalista fu quella di aver parlato a 90° minuto dell'incontro fra il presidente dell'Avellino Antonio Sibilia, accompagnato dal calciatore brasiliano Juary, con Cutolo, in una delle udienze del processo al boss.

Dopo la lunga parentesi in Rai era passato a Mediaset e infine a Canale 9. Durante una pausa dell'udienza Sibilia saluta il boss con tre baci sulla guancia e gli fa consegnare dal calciatore una medaglia d'oro con dedica "A Raffaele Cutolo dall'Avellino calcio".

Altre Notizie